Vai al contenuto

La linea del calciomercato già tracciata: ecco chi sarà sacrificato per arrivare a tre grandi obiettivi

L’Inter sta pianificando la strategia per arrivare alla prossima sessione di calciomercato senza limiti finanziari definiti.

La strategia dell’Inter per la prossima sessione di calciomercato si articola su un approccio senza un grande paletto finanziario. Secondo quanto riportato dalle colonne de La Gazzetta dello Sport, il presidente Steven Zhang sta lavorando per mantenere saldo il controllo sul club. In questa ottica, è in corso una trattativa con un fondo inglese per ottenere un nuovo prestito, con condizioni simili a quelle precedentemente negoziate con Oaktree, ma con l’obiettivo di liquidare definitivamente gli investitori americani.

Partenze e arrivi

Ausilio e Marotta in allenamento

Questa nuova mossa non dovrebbe portare a cambiamenti significativi per quanto riguarda il mercato dei trasferimenti. La priorità rimane la ricerca dell’equilibrio tra entrate e uscite. Nonostante ciò, senza l’imposizione di abbassare i monti ingaggi, l’Inter potrebbe avere maggiori margini di manovra senza doversi imporre di abbassare il tetto ingaggi, considerando anche che il costo complessivo della rosa si è ridotto in termini di ammortamenti. Per finanziare il mercato, l’obiettivo principale sembra essere quello di mantenere tutti i grandi giocatori, con eventuali cessioni mirate per liberare risorse senza compromettere la qualità complessiva della squadra. Al momento si procede per ipotesi: partenze come quelle di Dumfries, Oristanio, Sebastiano Esposito e, potenzialmente, quella più dolorosa di Valentin Carboni, saranno possibili a condizione che siano presentate offerte molto allettanti. Queste eventuali partenze, soprattutto quella del giocatore olandese e dell’argentino in prestito al Monza, dovranno essere compensate da nuovi innesti che rafforzino la squadra, soprattutto in vista delle competizioni future.

Tra gli obiettivi individuati, si ipotizza il bisogno di trovare un erede per il portiere Sommer; la carta d’identità del portiere svizzero spinge Marotta e Ausilio a identificare con una certa urgenza un nome nuovo che nelle ultime settimane sembrerebbe essere stato individuato nel brasiliano Bento dell’Atletico Paranaense con cui l’Inter ha da tempo un accordo sulla parola. In difesa, per andare a sostituire i non più giovanissimi Acerbi e de Vrij, si stanno valutando con attenzione i profili dello spagnolo Mario Hermoso, recentemente incontrato negli ottavi di finale di Champions League con l’Atletico Madrid e del francese Oumar Solet del Salisburgo mentre in attacco Gudmundsson continua a rappresentare un obiettivo importante. Si prevede che saranno necessarie formule di acquisto creative per finanziare questi movimenti sul mercato, ma ad Appiano Gentile c’è fiducia considerata l’esperienza dimostrata dagli uomini mercato della dirigenza nerazzurra nel gestire situazioni di questo genere.

Nonostante la necessità di operare con prudenza dal punto di vista finanziario, l’Inter intende rimanere competitiva e continuare a dominare nel campionato. La programmazione accurata e la capacità di gestire le risorse con efficienza sono i principali punti di forza del club di Viale della Liberazione, che si prepara ad affrontare le sfide future mantenendo una solida base di talento e competenza tecnica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella