Vai al contenuto

L’Inter vince comunque anche se inizia ad essere stanca

L’Inter con la vittoria di ieri è più vicina alla seconda stella ma le energie scarseggiano. Thuram non punge più, Bastoni e Lautaro delusi dalla sostituzione.

Con la vittoria dei nerazzurri di Simone Inzaghi contro l’Empoli, l’Inter risponde alla vittoria del Milan e rimane a +14 punti sui rossoneri in classifica. Ora lo scudetto sembra questione solo di tempo. Il sogno di tutti i tifosi nerazzurri (e l’incubo di quelli rossoneri) sarebbe la conquista aritmetica del titolo nel derby in programma Lunedì 22 aprile.

La vittoria numero 100 di Simone Inzaghi sulla panchina dell’Inter è arrivata grazie ad un gol per tempo di Federico Dimarco e di Alexis Sanchez. Nonostante una buona partita da parte dei nerazzurri, è evidente che le energie della squadra stiano venendo meno col passare del tempo vista la stagione molto impegnativa affrontata finora.

Inter-Empoli: vittoria importante ma la stanchezza affiora

inter empoli sanchez

La vittoria di ieri sera è arrivata senza subire grossi patemi d’animo nonostante un Empoli ben messo in campo che ha disputato una partita più che dignitosa.

Va detto, però, che ormai le energie dei giocatori nerazzurri si stanno riducendo sempre di più vista la stagione da oltre quaranta partite disputata finora. Marcus Thuram, autore fin qui di una stagione splendida da 12 gol e 7 assist, è da qualche partita che appare in riserva e non punge più come ad inizio stagione. Invece Lautaro e Bastoni, al momento della loro sostituzione, non hanno preso benissimo il cambio scuotendo la testa più volte con il capitano particolarmente stizzito dal non aver trovato il gol per la terza partita di campionato di fila.

Le energie stanno svanendo come è normale che sia ed è per questo che tutta la squadra vuole chiudere la pratica seconda stella il più in fretta possibile, in modo poi da giocare senza pressione le ultime partite rimanenti di questa lunga e dispendiosa stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Tagliabue

Andrea Tagliabue

Sono Andrea, ho 24 anni e sono tifoso dell'Inter sin dalla nascita. La passione per il giornalismo sportivo è nata quando ero piccolo e da quando ho 15 anni sogno di lavorare nel settore sportivo. Sono un assiduo consumatore di tutto ciò che è calcio e non disdegno un'occhiata agli sport americani (basket, football, baseball, hockey su ghiaccio) e gli sport motoristici.View Author posts