Vai al contenuto

L’ora di Sanchez: ecco come il cileno si sta riconquistando l’Inter

L’ora di Sanchez. Il cileno è pronto a sfruttare la sua chance dal primo minuto nella gara che vedrà impegnata l’Inter nel posticipo serale di Serie A contro il Genoa. L’infortunio occorso a Thuram nella sfida di Champions League contro l’Atletico Madrid, ha di fatto dato l’occasione sia a lui che ad Arnautovic di ritagliarsi uno spazio in questa parte della stagione.

Mentre l’austriaco sembra ancora un oggetto misterioso ben lontano da quello che ha fatto molto bene con la maglia del Bologna, il numero 70 sta crescendo sia in condizione atletica che in fiducia, dimostrando di essere ancora oggi un ottimo innesto per la squadra di Inzagthi sia dal primo minuto che a partita in corso. Impegno, tecnica e cattiveria agonistica stanno contrastinguendo le ultime uscite di Alexis in maglia nerazzurra a cui, ora, manca solo il gol in questo campionato.

I numeri di Sanchez nelle ultime presenze

inter sanchez atalanta

Per il cileno, quella di questa sera, sarà la gara numero 14 in questa Serie A, la seconda da titolare. La prima volta è stata nella sfida in trasferta contro la Salernitana di fine Settembre. In quell’occasione Sanchez, che formava il tandem d’attacco con Marcus Thuram, fu protagonista di una gara anonima e fu sostituito al minuto 55 da Lautaro Martinez autore di ben 4 gol nei 35 minuti giocati, un record assoluto.

Dopo aver trovato davvero poco spazio nella prima parte della stagione, Sanchez sta scalando le gerarchie e si sta conquistando partita dopo partita considerazione e minuti in campo. Sicuramente l’infortunio del compagno di squadra sta agevolando questo percorso di crescita ma il “risveglio del leone” è ben visibile, ed è il motivo per cui lo stesso Inzaghi sa che da ora in avanti può contare su un giocatore in più, in grado di fare la differenza con le sue giocate (vedi il gol di Frattesi nella sfida contro l’Atalanta) e pronto, a differenza di quanto avveniva in passato, ad accettare le scelte del suo allenatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mirko Patera

Mirko Patera