Vai al contenuto

Milan, cessioni e rimpianti: uno adesso è in nerazzurro

Milan, quanti rimpianti: tanti ex ceduti tra delusioni e amarezza ora sono a livelli top. Giocatori che in rossonero non sono mai sbocciati nonostante le grandi aspettative come Charles De Ketelaere, giovani talenti che non avevano sbloccato tutto il loro potenziale come Brahim Diaz, per arrivare fino a chi ha lasciato il club a parametro zero e ha trovato fortuna altrove.

Il trequartista belga arrivato a Milano l’estate scorsa dal Bruges per 35 milioni di euro ha chiuso la sua prima esperienza in rossonero con soltanto un assist e zero reti in 40 presenze, facendo allarmare tutti coloro i quali si erano innamorati di lui e dei suoi 18 gol nella stagione precedente. Alla corte di Gasperini, comunque, il ragazzo sembra rinato ed è già a quota 6 gol e 6 assist in 21 gare di Serie A disputate.

Discorso simile per Brahim Diaz: quello con il Lipsia in Champions League è stato il suo ottavo gol stagionale con il Real Madrid dopo una serie di prestazioni autorevoli anche da sostituto o subentrato all’inamovibile Bellingham. Per il ragazzo di Malaga sono state 7 le realizzazioni nella sua stagione più prolifica al Milan.

Milan, quanti rimpianti: tutti gli ex che da flop in rossonero sono diventati top

L’amarezza più grande la provocano due addii in particolare che non hanno nemmeno portato guadagno nelle casse della società: quelli di Franck Kessie e Hakan Calhanoglu. Il primo, promesso sposo del Barcellona, aveva lasciato Milanello dopo essere stato uno dei protagonisti nella vittoria dello scudetto. Da lì in poi ha vinto Liga e Supercoppa di Spagna con i Blaugrana, per poi farsi sedurre dagli stipendi stellari dell’Arabia Saudita all’Al-Ahli. Proprio l’ingaggio era stata la causa della sua separazione dal Milan (7 milioni la cifra richiesta, 5,5 quelli offerti). L’ultimo “sgarbo” del mediano è la vittoria della Coppa d’Africa con la sua Costa d’Avorio.

Un caso simile è stato quello di Calhanoglu: richiesta di 5 milioni, offerta di 3,5, trattativa saltata e approdo in nerazzurro nell’estate 2021. Ovviamente il rimpianto cresce oggi vedendo un’Inter in testa alla classifica, in lizza con le big europee, e con un Hakan più che mai leader del centrocampo. Sembrava una mossa azzardata il passaggio per motivi economici da una sponda all’altra di Milano, causa di striscioni e sfottò, ma al momento i numeri di Calhanoglu (9 gol e 3 assist in campionato) lasciano l’amaro in bocca solo ai tifosi rossoneri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati