Vai al contenuto

Mourinho rivela: “Volevo portare Totti e De Rossi all’Inter”

Josè Mourinho, ad oggi ancora senza una squadra dopo la separazione con la Roma, si è concesso nei mesi passati alcuni spot e alcune interviste con diversi influencer italiani e internazionali. In una di queste chiacchierate lo Special One ha fatto due nomi, due nomi molto iconici per il calcio italiano, che avrebbe voluto con sé ai tempi dell’Inter.

Mourinho e i giocatori che si vogliono sempre in squadra: “Li volevo all’Inter, ma…”

Si è parlato di ricordi, di collezioni e di calciatori, e Josè Mourinho non delude mai le aspettative. Per iniziare, per rispondere a chi gli aveva chiesto della memoria più cara che avesse, non ha citato il trofeo più importante ma il più recente e forse anche quello che ha stupito di più: la Conference League vinta con la Roma nella stagione 2021/2022. Una scelta sicuramente comprensibile per la dimensione di gioia che questo traguardo aveva portato alla squadra, alla società e alla città.

Parlando di collezioni, poi, lo Special One ha confessato di possedere circa 200 casacche differenti ma ha anche specificato di non tenerle come una vera e propria collezione. Forse ha ragione Mourinho a dire che in 1200 partite, alla fine, solo 200 maglie non sono poi così tante, ma proprio quando queste arrivano senza averle chieste o cercate ecco che la serie diventa impressionante. Discorso diverso per suo figlio, invece, che spesso domanda specifiche divise ma puntando solamente ai top: campioni del mondo e palloni d’oro come Ronaldo, Messi, Benzema o Modric.

Per parlare di nomi, infine, secondo il tecnico portoghese ci sono tanti giocatori che ogni suo collega desidererebbe allenare. Non è il caso di fuoriclasse come Leo Messi, uno che ha più da insegnare che da imparare, e che casomai costituisce più un pezzo da collezione, un motivo di vanto per chi lo ha avuto nella propria rosa. Tornando invece della squadra della capitale, Mourinho ha dichiarato che proprio due bandiere giallorosse sono state a lungo sulla sua lista dei desideri: si tratta di Daniele De Rossi e Francesco Totti. Nonostante l’età, infatti, l’allenatore di Setubal avrebbe voluto in nerazzurro entrambi i campioni della Roma e della Nazionale, ma con rammarico ammette che non è stato possibile.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati