Vai al contenuto

Napoli in crisi, il confronto tra Mazzarri e Garcia: le statistiche

Continua la stagione difficile del Napoli, che domenica sera ha perso contro il Milan per 1-0. Aumentano le critiche nei confronti di Mazzarri, che non è riuscito a dare una scossa dopo l’addio di Rudi Garcia. Anzi, il tecnico toscano sta facendo anche peggio del predecessore, ecco tutte le statistiche.

Dopo lo Scudetto vinto la scorsa stagione, dominando dall’inizio della stagione, ci si aspettava un altro rendimento per il club partenopeo. La decisione di prendere Garcia al posto di Spalletti non è stata delle migliori, ma l’idea del presidente De Laurentiis di sostituire il francese con Walter Mazzarri, si sta dimostrando anche peggiore.

Il Napoli è attualmente nono in classifica con 35 punti e con 7 punti di ritardo rispetto all’Atalanta che al momento occupa il quarto posto. Una stagione decisamente al di sotto delle aspettative, con i partenopei eliminati in Coppa Italia dal Frosinone, devono affrontare gli ottavi di Champions League contro il Barcellona ma che ha perso anche la finale di Supercoppa italiana contro l’Inter.

Viene criticato a Mazzarri un gioco troppo difensivista, e la formazione schierata contro il Milan ne è la prova, con i vari Politano, Ngonge, Lindstrom e Raspadori in panchina.

Altra sconfitta per il Napoli di Mazzarri

mazzarri napoli

I numeri, riportati da SpazioNapoli, testimoniano come il tecnico toscano non ha dato una sterzata alla stagione del Napoli, anzi il rendimento è anche peggiore: in 11 partite di Serie A, ha ottenuto quattro vittorie, due pareggi e cinque sconfitte, collezionando 14 punti. Sommando tutte le competizioni, sono 16 le partite complessive, con sei vittorie, due pareggi e otto sconfitte, con un totale di 15 gol fatti e 23 subiti, e una media punti bassissima di 1,25.

Mentre, Rudi Garcia aveva ottenuto 21 punti in 12 partite di Serie A, e contando anche la Champions League, il suo Napoli aveva ottenuto otto vittorie, quattro pareggi e quattro sconfitte in 16 partite, con una media punti di 1,75 e segnando 30 gol, subendone 18.

Numeri impietosi per il Napoli di Mazzarri, che a meno di clamorosi colpi di scena, rimarrà fino alla fine della stagione sulla panchina degli azzurri, con la speranza del presidente De Laurentiis e della tifoseria di un cambio di marcia.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto