Vai al contenuto

Pagani, Fiat 500, appartamento e poco altro: cosa rimane di Zhang a Milano

Zhang fiat 500
CONDIVIDI:
Banner Libro

Zhang Inter. Ora lo possiamo dire: è ufficialmente finita, dopo otto anni, l’era Suning per l’Inter. Lunedì 3 giugno è l’ultimo giorno in cui Steven Zhang ricoprirà la posizione di presidente della società nerazzurra, in quanto martedì si terrà la prima Assemblea dei Soci per dare ufficialmente il via all’era americana con Oaktree al comando delle operazioni.

L’Assemblea deciderà il nuovo Consiglio di Amministrazione della società nerazzurra e di Steven Zhang, nonostante l’addio, rimarranno poche tracce del suo soggiorno in Italia. Come riportato dal quotidiano Repubblica, quasi tutti i possedimenti dell’ormai ex presidente verranno ceduti. A cominciare dalla celeberrima 500 Abarth colorata di nerazzurro con tanto di logo.

L’auto, con cui il presidente si spostava tra Appiano Gentile, San Siro e la sede del club, era stata presa in leasing e verrà riconsegnata all’agenzia proprietaria dell’auto. La famosa 500 era diventata famosa sui social grazie a numerosi video che ritraevano Zhang alla sua guida.

Auto di lusso andranno in Svizzera

Anche la casa in cui viveva il presidente verrà lasciata libera. L’abitazione del presidente, situata in via Gabba, fra via Monte Napoleone e il giardino botanico di Brera, non è di proprietà di Zhang ma era in affitto. Oltre alla 500, Steven è un grande appassionato di auto, come lo si può evincere dal fatto che lo stesso presidente sia stato invitato nel paddock del GP di Cina di Formula 1, corso quest’anno nel mese di aprile. Proprio a Shanghai, in occasione della gara, risale l’ultima apparizione in pubblico del presidente classe ’91. La collezione di auto di Steven conta come esemplari molte Ferrari e una Pagani Huayra BC color nerazzurro. Ebbene, queste auto resteranno custodite in un garage svizzero, in attesa di capire come e dove andranno ricollocate.

Purtroppo, di lui, rimarrà impressa la condanna da parte della Corte Suprema di Hong Kong nel 2022 e valida anche nel nostro paese. La condanna è stata emanata poiché Zhang non avrebbe rispettato gli accordi per la restituzione di un prestito da 320 milioni di euro con la China Construction Bank.

Insomma, possiamo dire con certezza che tutti, Zhang incluso, speravano in una fine del rapporto molto meno turbolenta di quanto in realtà poi lo sia stata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Tagliabue

Andrea Tagliabue

Sono Andrea, ho 24 anni e sono tifoso dell'Inter sin dalla nascita. La passione per il giornalismo sportivo è nata quando ero piccolo e da quando ho 15 anni sogno di lavorare nel settore sportivo. Sono un assiduo consumatore di tutto ciò che è calcio e non disdegno un'occhiata agli sport americani (basket, football, baseball, hockey su ghiaccio) e gli sport motoristici.View Author posts