Vai al contenuto

Pavard e Bastoni tornano titolari: ecco a cosa punta il francese

Pavard e Bastoni tornano titolari contro l’Atalanta. Dopo il turnover fatto da Simone Inzaghi nella sfida contro il Lecce vinta dai nerazzurri per 4 a 0, l’Inter ritrova molti dei suoi titolari in campo per il match che li vedrà contrapposti ai bergamaschi allegati da Gianpiero Gasperini. I due braccetti tornano così a creare la linea difensiva titolare con la conferma di Stefan De Vrij al centro de terzetto, vista la defezione forzata di Francesco Acerbi ancora fermo ai box per un guaio muscolare.

Nelle ultime 6 partite con entrambi i difensori in campo dal primo minuto, l’Inter è uscita sempre vincitrice, seppur con dinamiche diverse. Il francese è ancora alla ricerca della sua prima rete in maglia nerazzurra, seppur ci sia andato vicino in diverse occasioni, tra cui anche la semirovesciata che ha propiziato l’autogol di Gatti nella sfida contro la Juventus, senza però avere successo. E questa “ossessione” al gol lo ha spinto molte volte nei pressi dell’area di rigore avversaria, sia sui calci da fermo che sulle azioni d’attacco manovrate. Situazione che ha, di fatto, costituito un pericolo costante per le difese avversarie impegnate a contenere gli attacchi dei nerazzurri provenienti da più giocatori di movimento.

Bastoni e il primo gol stagionale

bastoni roma inter

Il numero 95, invece, è riuscito a trovare il suo primo gol stagionale nella sfida vinta per 4 a 2 all’Olimpico contro la Roma di Daniele De Rossi, in una gara che è stata un pò una manifestazione di forza della squadra nerazzurra capace di ribalare il 2 a 1 per la squadra romana alla fine del primo tempo con una pressione incessante a partire dai primi minuti della ripresa. Il gol di Bastoni è stato quello del definitivo 4 a 2 messo a segno dopo una lunga sgaloppata dalla difesa sino all’area avversaria a tempo praticamente scaduto.

Chiaro che nella sfida di oggi Pavard ci riproverà, e chissà se non sia la volta buona per vederlo esultare proprio a San Siro, proprio sotto quella Curva che lo ha adottato a tempo pieno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mirko Patera

Mirko Patera