Vai al contenuto

Perché Radio Nerazzurra ha chiuso dopo 4 anni: svelato il motivo

Perché Radio Nerazzurra ha chiuso. La bellezza dell’Inter è che intorno alla squadra si creano delle nuove realtà. Radio, siti web, live sui vari social, gruppi di tifosi che in qualche modo vogliono stare vicino ai nerazzurri e dare più informazioni possibili ai tifosi. Piccole realtà sostenute dal grande impegno e dalla volontà di uomini che hanno in comune la grande passione per l’Inter.

Al giorno d’oggi non è mai facile mandare avanti questi progetti, l’informazione corre veloce, la concorrenza è tanta e molti utenti e tifosi si spostano su piattaforme più moderne lasciando il fascino tradizionale della radio. Il problema di fondo è che servono sempre molti soldi per poter portare avanti questi progetti e la grande passione e voglia, a volte non basta.

Radio Nerazzurra rappresentava un po’ tutto questo, la grande passione del tifoso interista che arriva a creare qualcosa di davvero importante e meraviglioso, un canale di informazione costante, un luogo dove il tifoso interista si potesse sentire a casa. Questi ultimi mesi sono stati parecchio complicati, nella speranza che sia solo un arrivederci e non del tutto un addio.

Il direttore di Radio Nerazzurra, Lapo De Carlo continuerà a far sentire la sua voce e la sua passione per l’Inter anche grazie alla televisione, e alla sua presenza nei popolari programmi di Telelombardia. Eppure da oggi qualcosa nel mondo dell’informazione nerazzurra mancherà. ci saranno un po’ meno passione e sogni e più una realtà cruda e cinica da affrontare.

Perché Radio Nerazzurra ha chiuso

Dopo 4 anni chiude i battenti una delle radio più iconiche e importanti dell’informazione intorno all’Inter. La mancanza di fondi per mandare avanti il progetto è stata decisiva per la sua chiusura. Un prodotto condotto con grande voglia e passione, ma che, come tutti questi mezzi di informazione ha sempre bisogno di soldi e investimenti per poter andare avanti. Era la “radio degli interisti“, ma questo non è bastato per trovare le risorse e poter proseguire con questo bellissimo e romantico progetto.

Un programma radio che ci dimostrava ancora di più che non si tratta solo di una squadra di calcio, ma di una vera passione che trasporta e fa lavorare un sacco di persone. L’Inter è un gruppo di amici che ogni giorno produce dei nuovi contenuti, sia di scrittura, che grafici che come in questo caso, radiofonici.

Sulla pagina Instagram di Radio Nerazzurra l’annuncio ufficiale della chiusura, con un post che cerca di essere un arrivederci più che un vero e proprio addio. La speranza di tutti i tifosi è che questa radio possa ripartire al più presto, un mezzo di informazione per tutti. I fan e tifosi nei commenti hanno fatto sentire fin da subito il loro calore e la loro solidarietà.

Purtroppo, nella vita come nello sport, delle volte ci si ritrova davanti a delle brutte sconfitte. La sola passione e impegno non basta ed è un vero peccato che il tifoso nerazzurro non abbia più un luogo dove sentirsi a casa, sentire la voce dei suoi amici e di tutto lo staff di Radio Nerazzurra. Come la stessa Inter però, dalle sconfitte bisogna rialzarsi e tornare possibilmente più forti di prima.

Chissà che questo di Radio nerazzurra, diventi solo un arrivederci, che arrivino le risorse necessarie e che tra pochi mesi, possano ripartire con le loro piacevoli trasmissioni e con loro tutta la passione e il calore del popolo nerazzurro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Radio Nerazzurra (@radionerazzurra)


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Andrea Mattiazzo

Andrea Mattiazzo

Scrittore, redattore e grande tifoso interistaView Author posts