Vai al contenuto

Restare a San Siro, il piano da 300 milioni per convincere Inter e Milan

Nuovo San Siro. Così come per moltissime squadre europee, il desiderio di poter giocare le partite in uno stadio di proprietà è parecchio grande per InterMilan. D’altronde lo status di migliori squadre europee si raggiunge anche con la possibilità di avere uno stadio personale, che permetterebbe di aggiungere prezzi, personalizzazioni e strutture a proprio piacimento. Tutti vantaggi che sembrano offuscare la preservazione di San Siro: le due società, infatti, spingono molto per l’ottenimento di uno stadio di proprietà, dimenticandosi la grande storicità, l’importanza mediatica e l’incredibile valore simbolico di uno dei palcoscenici più suggestivi del panorama calcistico mondiale. Un patrimonio enorme che il Comune intende preservare.

Nuovo San Siro: la proposta del Comune per Inter e Milan

La poca credibilità nel progetto di ristrutturazione di San Siro ha di fatto allontanato le speranze di permanenza dei nerazzurri e dei rossoneri, eppure in occasione di una commissione ad hoc prevista per il 31 gennaio il Comune presenterà un nuovo piano di ristrutturazione dell’intero quartiere. In particolare questo progetto prevede la costruzione di un quarto anello (non in altezza ma complementare alla struttura già esistente) e un aumento di posti pari a 5.000 unità. In questo modo la capienza salirebbe a quota 75mila con 10mila postazioni premium. In aggiunta ci saranno dei miglioramenti alla modalità di accesso all’impianto e dell’ambiente circostante. Un lavoro difficile ma non impossibile che peraltro non intaccherebbe gli impegni di Inter e Milan: le due squadre di Milano, infatti, potranno continuare a giocare a San Siro anche durante i lavori, facilitando non poco tutte le questioni burocratiche del caso.

Le parole del sindaco Sala

Questa nuova proposta è stata condivisa anche dal sindaco di Milano Giuseppe Sala, il quale ha ribadito la sua forte volontà di non far scappare Inter e Milan da uno stadio storico ed emozionante come San Siro. Il sindaco ha inoltre evidenziato come questo progetto sarà difficile da accettare per entrambe le società, ma confida nel fatto che con il passare del tempo sia i nerazzurri e sia i rossoneri sapranno rivalutare l’opzione e, dunque, accettare i termini di quest’ultima. Sala è consapevole dei rischi e delle grosse perdite che si potrebbero riscontrare se il progetto di ristrutturazione dello stadio ‘Giuseppe Meazza’ andasse in porto – come la perdita di biglietti e la difficile mobilità per assistere alle partite -, ma più di tutto è convinto che la scelta di abbandonare San Siro per allontanarsi da Milano risulterebbe più controproducente di una possibile permanenza. L’obiettivo è valorizzare Milano e i suoi tifosi, oltre che proseguire l’illustre storia di uno degli stadi più importanti al mondo. Inter e Milan attendono con ansia l’arrivo del nuovo progetto, ma solo allora si saprà quali saranno le prossime mosse delle società milanesi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Riccardo Fattorini

Riccardo Fattorini

Sono un giornalista sportivo alla ricerca di nuovi stimoli ed esperienze formative. Amo il calcio e amo poterlo raccontare in diversi modi, anche sotto il mio punto di vista.View Author posts