Vai al contenuto

Sanchez potrebbe andarsene: due nomi per sostituirlo

Il ritorno di Alexis Sanchez a Milano non è andato come ci si sarebbe aspettati fino a questo momento. Dopo una stagione giocata su buoni livelli con la maglia del Marsiglia, la strada del cileno e quella dell’Inter si sono unite nuovamente durante l’estate scorsa. Nelle idee di Simone Inzaghi, il Nino Maravilla sarebbe dovuto essere una quarta punta di lusso, in grado di fare la differenza entrando a partita in corso. Al termine del girone di andata è tempo di bilanci e quello riguardante le prestazioni del numero 70 dell’Inter è fortemente negativo. Proprio per questo in questi giorni si sta parlando con insistenza di un possibile addio del cileno dopo soli 6 mesi. Per Sanchez avrebbero fatto passi più o meno concreti alcune squadre arabe e sudamericane.

La posizione dell’Inter e l’eventuale idea

L’Inter non sarebbe affatto contraria a una partenza del suo attaccante. L’unico problema che potrebbe sorgere sarebbe quello di rimpiazzarlo, ma è un rischio che la società è disposta a correre (anche perché peggio di così è difficile che possa andare). Il budget a disposizione da investire per la nuova punta sarebbe infatti pari a zero e si sa, nel mercato di gennaio le squadre si liberano difficilmente dei propri giocatori, specialmente a parametro zero.

Per risolvere questa difficoltà i dirigenti dell’Inter avrebbero pensato ad una soluzione low cost e già in casa: richiamare dal prestito in un giovane in prestito. Tra i principali candidati per andare a occupare il posto lasciato vacante da Sanchez ci sarebbero Sebastiano Esposito e Valentin Carboni.

L’italiano, classe 2002, è il trascinatore della Sampdoria in Serie B, dove ha già messo a segno 5 goal. L’argentino, classe 2005, si sta pian piano ritagliando sempre più spazio nel Monza di Palladino in Serie A, dove ha già messo a segno 2 goal e 2 assist. Resta comunque difficile che le due società acconsentano all’interruzione del prestito di due giocatori che stanno diventando sempre più importanti nelle rispettive squadre.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli