Vai al contenuto

E se fosse Dia l’attaccante di cui ha bisogno l’Inter?

L’amore tra Boulaye Dia e la Salernitana pare ai titoli di coda. E’ stata una rottura che si è consumata lentamente e che, nonostante i vari tentativi di andare avanti insieme, non pare più sanabile. Il patron della squadra campana, Iervolino, ha recentemente dichiarato in un’intervista che nella squadra ci sono diversi elementi che non hanno voglia di continuare a giocare a Salerno. Ha proseguito dicendo che questi verranno accompagnati alla porta nel mercato di gennaio. Inoltre il presidente si è lasciato sfuggire di aver impedito a qualcuno di andarsene in estate e di essersene pentito per via delle prestazioni offerte quest’anno: è chiaro il riferimento a Dia.

Proprio da questa situazione rovente potrebbe nascere una nuova opportunità per l’Inter, alla disperata ricerca di un attaccante in grado di far rifiatare i titolari Lautaro e Thuram. Infatti, un problema riscontrato dai nerazzurri in questo superbo inizio di stagione è stato l’inaffidabilità di Arnautovic e Sanchez, sia sotto il punto di vista delle prestazioni che sotto quello fisico.

Perché concludere l’affare converrebbe a tutte le parti in causa

Boulaye Dia, dopo una grandissima stagione di esordio in Serie A, l’estate scorsa si aspettava di spiccare il volo verso lidi più prestigiosi rispetto alla realtà di Salerno. L’Inter gli permetterebbe di tornare a giocare la Champions League, di cui ha avuto un assaggio nel 2021/22 con la maglia del Villareal. L’allenatore dei nerazzurri, Simone Inzaghi, sarebbe inoltre in grado di garantirgli un discreto minutaggio, in quanto sarebbe la prima scelta alle spalle della Thu-La.

Dal canto suo, l’Inter si assicurerebbe un attaccante di sicuro affidamento e ancora relativamente giovane, infatti Dia compirà 28 anni nel 2024. La formula potrebbe essere un ulteriore fattore per la riuscita dell’affare. Sfruttando la situazione turbolenta che sta vivendo il giocatore nella sua attuale squadra, i nerazzurri potrebbero riuscire a strappare un accordo di prestito con eventuale diritto di riscatto o al massimo con obbligo allo scattare di determinate condizioni. Inoltre alla Salernitana potrebbero interessare dei giocatori in uscita dall’Inter, che potrebbero essere usati come contropartita tecnica per abbassare ulteriormente il costo del cartellino. Raggiungere uno di questi tipi di accordo permetterebbe al club di Viale della Liberazione di non effettuare un’uscita di cassa immediata, in modo da risparmiare un gruzzoletto da girare sull’esterno destro per sostituire Cuadrado.

Anche la Salernitana guadagnerebbe dalla cessione del suo numero 10. Tanto per cominciare si liberebbe di un giocatore scontento, cosa senz’altro positiva per lo spogliatoio. Inoltre realizzerebbe senza dubbio una corposa plusvalenza, visto che Dia è stato riscattato la scorsa estate per una cifra di 12 milioni di euro dal Villareal.

L’unico aspetto che potrebbe far desistere l’Inter dal comprare l’attaccante è la Coppa d’Africa, a cui il giocatore parteciperà col suo Senegal dal 13 gennaio. Nella peggiore delle ipotesi, cioè in caso di raggiungimento della finale da parte del Senegal, la competizione per Dia finirebbe l’11 febbraio. Arriverebbe a Milano intorno a metà febbraio e a quel punto andrebbe recuperato fisicamente e mentalmente. E’ infatti risaputo che la competizione è molto usurante, anche a livello mentale, per i giocatori che vi partecipano.

L’avventura di Dia con la Salernitana

Dia arriva a Salerno nell’estate 2022, dopo una stagione di luci e ombre al Villareal. L’obiettivo del senegalese è quello di rilanciarsi in una piazza in cui essere la punta di diamante. La prima stagione è un successo: 16 i goal messi a segno e una salvezza relativamente tranquilla raggiunta con la squadra. La dirompente stagione di esordio in Serie A non possa inosservata. Diverse squadre mettono gli occhi sul giocatore, che aspira a una squadra più grande della Salernitana.

Negli ultimi giorni di calciomercato arriva un’offerta dall’Inghilterra: il Wolverhampton offre un prestito con diritto di riscatto a “una cifra irrispettosa“, come riferito dall’allora ds della Salernitana Morgan De Sanctis. Dia voleva tentare l’avventura e non prende bene il rifiuto del suo club. Da questo momento Dia non scende in campo per diverse partite. Contro l’Empoli torna in campo ma qualcosa nel rapporto con l’ambiente si è rotto e nulla sarà più come prima. Sino ad ora in questa stagione ha messo a segno 4 goal in 12 presenze.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli