Vai al contenuto

Caccia all’esterno destro, spunta il nome di Candreva: può tornare all’Inter?

Con Juan Cuadrado ancora una volta ai box, l’Inter si ritrova senza un sostituto naturale per il ruolo di esterno destro (per ora il posto di Denzel Dumfries è nelle mani dell’eclettico e sempre presente Matteo Darmian). Il mercato invernale, come sostenuto dal direttore sportivo Piero Ausilio, sarà all’insegna di un nuovo innesto per il ruolo di quinto del centrocampo inzaghiano.

Può tornare Candreva?

Tra i molti nomi candidati alla maglia nerazzurra come esterno destro di centrocampo è spuntato anche quello di un ex-interista: Antonio Candreva. Il 36enne romano ha un profilo duttile che gli permette di spaziare tra esterno (sia sulla fascia destra che sinistra), trequartista o attaccante – ruoli che ha ricoperto più volte nella sua recente ed attuale avventura con la maglia della Salernitana. Un’idea che fa da eco ai motivi che hanno portato la dirigenza ad optare per Cuadrado in estate: per età, qualità e caratteristiche l’esterno italiano classe ’87 rappresenta un’alternativa low-cost (così come lo è stato il colombiano, alle prese però con gli infortuni che lo stanno tenendo fermo e lontano dal campo).

Candreva ha già militato nelle sponde interiste. L’Inter lo prelevò dalla Lazio per 21 milioni di euro nella stagione 2016-2017, dove giocò tutte le partite di campionato e contribuendo con 6 gol (in panchina c’era Stefano Pioli). La stagione successiva si conferma un titolare fisso nell’Inter di Luciano Spalletti, con il quale si raggiunge il quarto posto valido per la qualificazione in Champions League. Per la stagione 2018-2019 – visto l’innesto di Matteo Politano come ala destra nel 4-3-3 spallettiano – vede di meno il campo, contribuendo però insieme alla squadra alla riconquista dell’obiettivo qualificazione in Champions.

Ritrova però la frequenza della titolarità nella prima Inter di Antonio Conte, proprio come esterno destro nel 3-5-2 contiano: nella stagione 2019-2020 segna 7 gol in totale (tra le varie competizioni) – 5 dei quali in campionato, dove ha raggiunto anche 8 assist. Sotto la guida del tecnico leccese, Candreva arriva a giocare una finale di Europa League nella medesima stagione (segnata dall’arrivo della pandemia). La stagione 2020-2021, però, viene dato in prestito con obbligo di riscatto alla Sampdoria – non contribuendo così alla cavalcata della seconda Inter di Conte verso il 19esimo tricolore della storia nerazzurra.

Gli altri nomi per l’Inter

Antonio Candreva rappresenta solo uno dei tanti nomi candidati al ruolo di esterno destro. Mentre è Matteo Darmian a prendere per ora il posto dell’infortunato Denzel Dumfries – con il quale l’Inter sta avendo difficoltà per la questione rinnovo -, i dirigenti Beppe Marotta, Piero Ausilio e Dario Baccin stanno sondando nuovi terreni.

Il profilo per occupare direttamente il ruolo lasciato scoperto dall’olandese interista è quello di Tajon Buchanan – 24 anni, proprietà del Bruges, sui taccuini e radar della dirigenza nerazzurra già da prima del Mondiale in Qatar. Il valore tecnico del giocatore canadese lo porta ad essere un investimento importante, nonostante l’attuale calo di rendimento dovuto a qualche infortunio. Un affare che potrebbe chiedere all’Inter uno sforzo di 10 o 15 milioni di euro. Affare complicato anche per l’idea di Patrick Ciurria del Monza: i brianzoli non vuole cedere i pezzi preziosi, soprattutto se l’offerte non soddisfano le richiese dell’a.d. Adriano Galliani. Adattato come esterno destro, conosce bene la Serie A – ma averlo a gennaio richiederebbe davvero troppo per le casse dell’Inter.

Meno complicato potrebbe essere la suggestione Thomas Meunier del Borussia Dortmund. Calciatore belga, classe 1991, reduce da un lungo stop per infortunio: contratto in scadenza tra 6 mesi, è alla ricerca di un club che potrebbe permettergli di giocare il prossimo Europeo con la maglia del Belgio. Per quanto riguarda Tiago Djaló, il portoghese rappresenta un innesto per la difesa e non per l’esterno. Il suo approdo dal Lille in nerazzurro lo vedrebbe come braccetto della difesa a 3 (sia a destra che a sinistra), alzando ancora una volta Darmian a esterno destro di centrocampo.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Samuele Amato

Samuele Amato

Classe '97, follemente addicted ai colori nerazzurri, alla musica e alla filosofia.View Author posts