Vai al contenuto

Spalletti: “Acerbi? Non è stato un episodio di razzismo”

Luciano Spalletti ha risposto alle domande dei giornalisti nella conferenza stampa odierna. Non potevano mancare domande riguardanti la questione più calda delle ultime ore, quella riguardante Francesco Acerbi. Il difensore della Nazionale è stato accusato di aver rivolto a Juan Jesus offese razziste nel corso della partita tra Inter e Napoli, andata in scena ieri sera a San Siro.

Il difensore, che era stato convocato per la tournée in America della Nazionale, è stato rispedito a casa da Coverciano per via dell’increscioso episodio. Luciano Spalletti ha però avuto modo di confrontarsi con il giocatore. Ecco le parole del ct azzurro a riguardo.

Spalletti Acerbi: ecco cosa ha raccontato il difensore al ct

Luciano Spalletti in conferenza stampa

Luciano Spalletti ha ricordato l’enorme rilevanza che assumono i calciatori nella trasmissione dei valori: “Il mio pensiero è espresso alla perfezione nel comunicato diramato dalla Federazione. Non mi sarei mai voluto trovare in questa situazione, ma abbiamo un ruolo fondamentale nei confronti di chi ci segue: prendere una posizione era necessario. In questi casi è necessario agire e chiarire quanto prima le cose”.

Ha poi svelato in parte quanto raccontatogli da Francesco Acerbi prima che abbandonasse il ritiro della Nazionale: “Per quello che mi ha raccontato Francesco (Acerbi ndr.), non si tratta di un episodio di razzismo. Mi dispiace ritrovarmi in questa situazione, in cui sto difendendo un mio calciatore per cose non verificate e attribuitegli direttamente. Quando si gioca a questi livelli, è fondamentale stare attenti qualunque cosa si faccia o si dica. È fondamentale curare tutti i dettagli. Per me è stato un enorme dispiacere essere stato costretto a prendere questa decisione, ma bisogna cercare di essere maggiormente attenti ai propri comportamenti. Nel momento in cui si va a denunciare un episodio, è necessario accertarsi che questo venga fuori con la stessa violenza con cui lo abbiamo subito”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli