Vai al contenuto

Supercoppa Italiana, Napoli-Inter: la moviola del match

Moviola Napoli-Inter. Ieri sera l’Inter si è aggiudicata la sua terza Supercoppa Italiana consecutiva, battendo 1-0 il Napoli grazie a un gol del solito Lautaro Martinez nei minuti di recupero. La partita però è stata sicuramente condizionata dall’espulsione al 60esimo di Simeone, che ha permesso ai nerazzurri di fare un lungo forcing per tutta la restante parte del match. Proprio su questo episodio si concentrano la maggior parte delle polemiche e dei dubbi, vediamo la moviola del match.

Moviola Napoli-Inter: Rapuano insufficiente

Non si placano le polemiche per l’arbitraggio, come è da abitudine nelle ultime settimane per il calcio italiano. Nell’occhio del ciclone questa volta c’è Antonio Rapuano, arbitro della finale di Supercoppa tra Inter e Napoli, con la sua prestazione che ha lasciato molto a desiderare. Ad essere fortemente criticata è la sua gestione dei cartellini, decisamente incoerente: nel primo tempo l’arbitro ha lasciato correre, non estraendo nessun cartellino giallo, anche quando Hakan Calhanoglu ha commesso due falli pienamente sanzionabili con il cartellino, che è arrivato poi solo al 44esimo al terzo fallo, che era anche il meno grave di tutti. Il turco è un esempio lampante, ma anche altri giocatori che hanno commesso più di un fallo sanzionabile, non sono stati ammoniti.

Nella seconda parte di gara, Rapuano cambia decisamente il metro di giudizio, ammonendo ad ogni fallo: nei primi 10 minuti della seconda frazione sono stati estratti ben quattro cartellini gialli per Zerbin, De Vrij, Barella (ammonito per proteste) e Simeone. Proprio quest’ultimo è stato poi protagonista di un intervento folle ed inutile su Acerbi pochi minuto dopo, e il doppio giallo era inevitabile. Ma secondo la moviola di Graziano Cesari, ex arbitro ed opinionista a Sportmediaset, l’espulsione di Simeone non ci doveva essere, in quanto il primo giallo per lui non andava dato. La dinamica è piuttosto semplice: palla recuperata da Calhanoglu con i nerazzurri che possono dar vita a un contropiede, e Simeone da dietro ferma il turco. Ovviamente non c’è cattiveria nell’intervento del Cholito, ma per Rapuano si tratta di fallo tattico ed il giallo è praticamente automatico in queste circostanze.

L’ex arbitro Cesari ha dato 4 all’arbitraggio di ieri sera, per via dell’episodio di Simeone e non solo: anche la gestione di cartellini, soprattutto nel caso Calhanoglu, e il giallo dato a Barella per proteste nasce da un fallo inesistente fischiato ai danni del centrocampista nerazzurro, che salterà il match di Firenze.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto