Vai al contenuto

Taremi in lacrime saluta il Porto: “Ho rinviato la firma con la nuova squadra per un motivo”

Mehdi Taremi segna il gol decisivo per la vittoria del Porto al 98′ e al triplice fischio scoppia in lacrime: è stata la sua ultima partita al Do Dragao.

Non è più un segreto che nella prossima stagione Medhi Taremi si aggiungerà al pacchetto di attaccanti a disposizione di Simone Inzaghi e sono molti gli interisti che stanno osservando le prestazioni dell’iraniano.

Ieri sera, ad esempio, nel posticipo della 33esima e penultima giornata della Liga Portugal, il Porto ha vinto all’ultimo giro di orologio proprio grazie a Taremi. Nel derby contro il Boavista, l’iraniano è entrato in campo poco prima del vantaggio ospite, si è poi procurato l’espulsione di Malheiro ed ha segnato il gol vittoria al 98′, raggiungendo quota 4 gol nelle ultime 6 partite. Al termine della gara è scoppiato in lacrime sul campo del Do Dragao e ai microfoni racconta: “è stata la mia ultima gara al Do Dragao con la maglia del Porto“.

Le parole di Taremi nel post-partita: “C’è un motivo se ho rinviato la firma con la nuova squadra”

Taremi gol Porto

Dopo il gol vittori in extremis, Taremi è stato intervistato da Sport TV. Ecco le sue dichiarazioni: “Sono molto emozionato perché è la mia ultima partita al Do Dragao. Ho sempre cercato di sostenere la squadra, dentro e fuori dal campo. La cosa più importante da fare era rimanere connesso alla partita, io ho avuto la fortuna di fare sempre del mio meglio per il Porto e vincere la partita segnando all’ultimo minuto è stato incredibile. 

Io ho molto rispetto per i tifosi, motivo per cui ho deciso di rinviare la firma sul contratto per l’anno prossimo. So che i tifosi a volte mi hanno criticato, è normale e lo accetto, ma li ho sempre rispettati e tiferò Porto finché avrò vita perché ora sono un ‘super drago.

Sono un gol dietro a Hulk? Per me è un onore esserci stato vicino, il mio scopo da attaccante è quello di fare gol e credo di aver fatto del mio meglio.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni