Vai al contenuto

Tudor al veleno contro la gestione della lega Serie A per il recupero Atalanta-Fiorentina

In conferenza stampa il tecnico della Lazio ha lanciato una dura critica alla Lega Serie A riguardo la gestione del recupero Atalanta-Fiorentina.

In occasione della conferenza stampa in vista di Monza-Lazio, Tudor ha espresso la propria opinione in merito al rinvio della partita che si sarebbe dovuta giocare il 17 Marzo.

Tudor: “Giocare a fine campionato non è giusto. Tante cose da cambiare in Serie A”

Tudor Lazio

Alla vigilia della sfida tra Monza e Lazio, il tecnico laziale si è lasciato andare a una critica pesante nei confronti della Lega Serie A per quanto riguarda la possibile decisione di giocare la partita Atalanta-Fiorentina a campionato già terminato per mancanza di alternative.

Ricordiamo come la partita fu sospesa il 17 marzo a causa di un malore accusato da Joe Barone, d.s della Fiorentina, tragicamente scomparso pochi giorni dopo.

“Giocare a fine campionato non è una cosa né giusta, né regolare. Nel calcio italiano c’è tanto da migliorare su queste cose, io capisco che il calendario è complicato ma bisogna migliorare sulla regolarità di queste partite e nei modi di organizzare questi recuperi».

Un’attacco che rispecchia un malcontento reiterato di alcuni società nei confronti delle decisioni prese in Lega.

Recuperare partite è sempre di più una questione spinosa per la Lega che, a fronte di un calendario densissimo di partite, sopratutto le sfide europee, è costretta a prendere decisioni sempre all’ultimo minuto, finendo per scontentare molte squadre e dando l’impressione di inseguire il calendario piuttosto che stilarlo.

Una volta assodato un calendario troppo fitto di impegni ma dal quale ormai non sembra possibile defilarsi, c’è da augurarsi che nella prossima stagione la questione recuperi possa essere gestita meglio, tenendo ben presente gli impegni europei noti già da inizio anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts