Vai al contenuto

Verso Verona-Inter: Baroni costretto a rinunciare a 2 titolari

Verona-Inter
CONDIVIDI:
Banner Libro

Per l’ultima partita di campionato, il Verona deve fare a meno di Duda e Henry causa squalifica. Prevista per la giornata di oggi la rifinitura.

Il Verona di Baroni ha compiuto una vera e propria impresa, come il Cagliari di Claudio Ranieri: entrambe le squadre navigavano in acque molto profonde per lunghi tratti della stagione ma sono riuscite ugualmente a raggiungere una salvezza meritata, addirittura con un turno d’anticipo.

Per quanto riguarda il Verona, il caos societario che ha colpito il club nel mese di gennaio ha imposto un potente cambio di rotta: venduti tutti i pezzi più pregiati sul mercato per fare cassa, la società è riuscita a scovare giovani interessanti che sopratutto grazie allo straordinario lavoro di Barone, sono riusciti a non far rimpiangere i vari Faraoni, Ngonge, Saponara, Djuric, Gunter, Doig e Hien.

Cessioni dolorose ma necessarie per permettere la continuità al club in un momento molto buio. Ma la scoperta di una stella nascente come Noslin e la guida tecnica di Barone lascia ben sperare per il futuro.

Come riporta il quotidiano “L’Arena”, c’è grande attesa in città per la gara contro iu Campioni d’Italia. Allo stadio Bentegodi ci sarà un clima di festa, merito della salvezza conquistata settimana scorsa a Salerno. Un successo che permette di vivere l’ultima in casa come una giornata di festa, senza dover prestare attenzione a risultati altrui, preoccupazioni di classifica o altri tormenti.

Lato squadra, Baroni sarà costretto a rinunciare a Ondreij Duda e Thomas Henry, entrambi assenti per squalifica. Proprio questi due calciatori furono protagonisti della partita pirotecnica dell’andata, il 6 gennaio a San Siro. Fu proprio Duda a venire a contatto con Bastoni in area, poco prima del gol vittoria di Frattesi. Episodio che aveva suscitato polemiche infinite, gridando allo scandalo e addirittura sostenendo come quell’errore fosse il più grave commesso in epoca VAR. Anche Henry si rese protagonista quella sera: prima segnò il gol del pareggio appena subentrato e all’ultimo minuto della partita, sbaglio il rigore per il possibile pari, tirando la palla sul palo.

Tornando all’attualità, L’Arena racconta della seduta che il Verona ha svolto nella giornata di ieri lnela quale sono state provate queste attività: attivazione, lavoro tattico e partite finale. Oggi ci sarà la rifinitura che sarà a porte chiuse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts