Vai al contenuto

Verso Inter-Torino: Acerbi affaticato, si prepara De Vrij

Archiviata la matematica scudetto, l’Inter si prepara a godersi le restanti cinque giornate di campionato che saranno delle vere e proprie passerelle, una festa ad ogni partita. La prima di queste cinque feste sarà Domenica alle ore 12:30 a San Siro contro il Torino di Ivan Juric. 

La partita di domenica con il Torino all’ora di pranzo si preannuncia come un’antipasto della giornata di festa che aspetta la città di Milano e la squadra di Inzaghi.

Per arrivare al meglio alla parata trionfale però servirà fornire una prestazione all’altezza contro il Torino in quanto gli obiettivi di squadra non sono finiti con la matematica dello Scudetto.

Alla squadra di Inzaghi restano infatti diversi primati che sono ancora alla portata come il numero di clean sheet in stagione, andare sempre in rete in ogni partita del campionato, il numero di gol subiti più basso per non parlare della possibilità di superare i 100 punti, impresa mai riuscita nella storia dell’Inter. In aggiunta c’è anche tutta la voglia di Lautaro Martinez di continuare la propria corsa verso il titolo di capocannoniere e di tornare al gol già da domenica. Piccoli traguardi che andrebbero ad aggiungere e a fortificare ancora di più il cammino dell’Inter di questa stagione e che la squadra vuole continuare a perseguire, anche per evitare di abbassare troppo la soglia dell’attenzione.

Dopo la partita, verso le ore 16 partirà un corteo con il bus scoperto che farà diverse tappe nei punti principali del centro di Milano per poi finire in Piazza Duomo alla sera e proseguire i festeggiamenti e con il bagno di folla fino a tarda notte.

Verso Inter-Torino: le ultime notizie

serie-a-inter-torino

Per quanto riguarda le ultime news dal campo, Inzaghi dovrebbe dar spazio a chi ha giocato di meno fino ad ora anche se non ci aspettiamo uno stravolgimento nella formazione.

Il tecnico piacentino è intenzionato a inserire un innesto per reparto, mantenendo la struttura che ha portato al successo lungo tutto il campionato.

In porta dunque ci sarà ancora Sommer, il turno di Audero e Di Gennaro dovrà attendere ancora.

Un cambio sicuro in difesa sarà Stefan De Vrij, in quanto Acerbi sarà costretto a saltare la partita a causa di un affaticamento muscolare. 

Anche Frattesi lotta per un posto da titolare, con la possibilità di far riposare finalmente Mkhitaryan dopo una stagione in cui non si è mai assentato. Calhanoglu e Barella invece restano insostituibili, almeno per questa partita.

In difesa dovrebbero essere confermati Bastoni e Pavard come braccetti. Sulle fasce, vista la squalifica di Dumfries ci sarà nuovamente spazio per Darmian a destra e Dimarco a sinistra. In attacco si va verso la conferma della Thula, anche se non è da escludere che Inzaghi possa scegliere uno tra Sanchez e Arnautovic.

Chiaramente in queste ultime partite c’è molta curiosità di vedere all’opera giocatori che hanno giocato poco questa stagione come l’acquisito di gennaio Buchanan, lo stesso Bisseck che però già dimostrato ottime cose ma anche giocatori come Klassen, preso in extremis per arricchire il reparto di centrocampo e avere in rosa un giocatore comunque esperto anche se non verrà confermato per la prossima stagione.

Giocatori che a detta dello stesso Inzaghi sono stati fondamentali per come hanno vissuto gli allenamenti, andando sempre al massimo e permettendo cosi di allenarsi ad alti livelli anche ai compagni che poi scendevano in campo.

L’importanza del gruppo e dell’intera rosa mai come quest’anno si è vista in casa Inter.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts