Vai al contenuto

Wanda Nara fa infuriare i tifosi nerazzurri: la felpa indizio di mercato?

Wanda Nara sui social fa infuriare i tifosi nerazzurri e svela un indizio sulla possibile prossima destinazione italiana di Mauro Icardi.

La conduttrice e cantante argentina, nonché moglie e procuratrice dell’ex nerazzurro Mauro Icardi, ha postato alcune foto sui proprio profili social che hanno scatenato curiosità e domande sul futuro dell’attaccante. Icardi si trova attualmente sotto contratto con il Galatasaray fino al 2026, ma non ha mai nascosto il suo desiderio di tornare in Italia e il suo interesse per alcuni club.

L’ex numero 9 nerazzurro, che proprio con l’Inter ha totalizzato 124 reti in 219 partite disputate, ha ritrovato un ottimo stato di forma in Turchia dopo una parentesi meno fortunata del previsto con il Paris Saint Germain in cui ha realizzato solo 38 marcature nel corso di tre stagioni. Con il Galatasaray, invece, Icardi è già a quota 24 gol stagionali in 39 partite: già battuti i numeri della scorsa stagione, terminata con 23 gol in 26 partite.

Wanda Nara e quel logo sulla felpa: indizio social sul futuro di Maurito?

Wanda Nara indossa la tuta della Juventus su Instagram

Che Wanda Nara sia in posa per uno shooting fotografico per una nota azienda di gioielli turca non provoca nessuna reazione strana, ma a destare sospetti è il look della moglie di Mauro Icardi, presente anch’esso in alcuni scatti: niente di meno che tuta della Juventus. “Mi sto preparando per una lunga giornata di registrazione” ha scritto l’argentina, ma il logo del club bianconero è in bella vista in post e stories.

Non è ancora chiaro se questa sia stata una richiesta specifica del brand turco, una mossa pubblicitaria o un vero e proprio indizio in chiave mercato, ma quello che invece è certo è che ancora una volta Wanda Nara fa parlare di sé e di Maurito Icardi. Un ritorno in Italia dell’ex capitano nerazzurro non è mai stato escluso, ma i tifosi non sarebbero certamente felici se la sua destinazione fosse la Torino bianconera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati