Vai al contenuto

Zhang vuole tenersi l’Inter: ecco la mossa di Steven

Zhang intende tenersi l’Inter. Nonostante sia fisicamente lontano da Milano, Steven Zhang continua lavorare per l’Inter e ha intenzione di farlo ancora per molti anni.

Il numero uno nerazzurro è infatti da tempo impegnato nella ricerca di partner finanziari ma soprattutto è impegnato nel rifinanziamento del debito con il fondo americano Oaktree. Il fondo californiano, nella primavera del 2021 aveva elargito a Zhang una cifra di 275 milioni come prestito da dover ripagare entro il maggio del 2024.

A causa degli interessi molto alti, causati sopratutto dall’inflazione e dalla attuale delicata situazione dell’economia mondiale, l’ammontare è salito a circa 350 milioni. La situazione economica dell’Inter tre anni fa, dopo un mercato di grande espansione nel 2019, una pandemia globale e un incasso zero dal botteghino dello stadio, unito a problemi di sponsor hanno costretto Steven ad affidarsi a questo prestito per poter garantire la continuità aziendale.

A questo prestito come ricorderete era seguita anche una campagna acquisti chiusa con un saldo positivo di +130, a testimonianza delle difficoltà societarie. Ma nel 2024 la situazione è in netto miglioramento, con la squadra che riesce ad ottenere ottimi risultati sia in campo che fuori.

La cavalcata Champions della scorsa stagione, oltre a porre le basi per quella attuale ha anche aperto gli occhi degli osservatori esteri sulla squadra di Inzaghi. Ora l’Inter viene considerata una delle migliori squadre d’Europa, non solo per via dei campioni che la compongono ma anche per il calcio che riesce ad esprimere, in Italia come in Europa.

E allora, se le cose vanno molto bene in campo e sono in ripresa a livello finanziario, perché mollare proprio ora?

La mossa di Steven: tre argomenti per tenersi l’Inter

steven zhang inter ritorno milano

Ecco che a questa domanda Steven risponderebbe: non lascio la presidenza, voglio restare a lungo. Ma a sostegno di questa intenzione sempre manifestata da parte di Zhang, arrivano anche i risultati economici e sportivi, nonché le parole di elogio di Massimo Moratti. Nel concreto, Steven intende continuare nel percorso di crescita che da anni il club sta intraprendendo.

La nuova Champions League e il nuovo Mondiale per Club saranno una fonte di vitale importanza per le casse del club meneghino, con una pioggia di soldi che è pronta ad arrivare in Viale della Liberazione. Inoltre, il nuovo sponsor Betsson garantirà ai nerazzurri un introito da 30 milioni a stagione per i prossimi cinque anni. Una copertura importante, se consideriamo i problemi avuti con i precedenti sponsor.

Infine, c’è il discorso stadio che tiene sempre banco ma che rappresenta uno snodo cruciale per il club: impossibile pensare di continuare a competere con i top club europei senza avere uno stadio di proprietà. Con la riapertura del dossier San Siro e il lavoro che procede su Rozzano, ora l’Inter ha potenzialmente due vie da percorrere.

Fondamentale che si prenda una decisione al più presto, dopo aver fatto tutte le analisi del caso, e che si continui imperterriti su quella strada, senza più ripensamenti o cambi dell’ultimo minuto. Dunque, con una situazione già ora in miglioramento dal punto di vista finanziario, e con le prospettive di guadagnare sempre di più dalle competizioni e dagli sponsor, non avrebbe senso mollare proprio ora.

Lo scenario più realista resta quello di uno slittamento della data in cui restituire il prestito, con una data ipotizzata del 2027, quando la questione stadio e gli introiti dalle nuove competizioni saranno una certezza e non più una previsione. Inoltre, il rapporto che Steven ha con l’inter non è più prettamente di tornaconto economico ma si è negli anni trasformato in passione e vero attaccamento ai colori sociali.

Un coinvolgimento nel mondo nerazzurro che viene confermato anche dall’ex presidente Massimo Moratti, intervistato da Gianluca Rossi sul proprio canale YouTube. Zhang rimane ed è entusiasta di continuare a vincere con l’Inter, parola di Massimo Moratti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts