Vai al contenuto

Atletico-Inter, la Curva Nord carica: “A Madrid tutti con…”

Ateltico Madrid-Inter, la Curva Nord suona già la carica e accende la sfida del Metropolitano. Mercoledì sera alle 21:00 si disputerà la gara di ritorno degli ottavi di finale di Champions League nella capitale spagnola in cui i Colchoneros dovranno provare a riblatare l’1-0 di San Siro. Stato di forma impressionante per i nerazzurri, ancora a pieni punti nel 2024, mentre gli uomini di Simeone dopo la sconfitta all’andata hanno rimediato soltanto una vittoria, un pareggio e due sconfitte.

A Milano è stato scontro tra Inzaghismo e Cholismo, una sfida decisa dalla zampata di Arnautovic al 79′ che i padroni di casa avevano controllato ampiamente come dimostrano i dati dei tiri totali (19 per l’Inter e 7 per l’Atletico) e dei tiri in porta (5 contro 0). Agli spagnoli questa volta non basterà uno sterile 43% di possesso palla ma dovranno fare la partita: la Curva Nord dell’Inter lo sa ed è pronta a farsi sentire.

Atletico-Inter, il tifo l’uomo in più a Madrid: “Coloriamo la città di nerazzurro”

Una coreografia della Curva Nord nerazzurra

La temperatura si è già alzata e a pensarci è stata la Curva Nord dell’Inter che, tramite il proprio profilo Instagram ufficiale, ha lanciato un appello a tutti i tifosi: “Obbligatorio per tutti i nerazzurri portare con sé o indossare nel settore ospiti una maglietta della squadra”. L’intento dei tifosi è quello di farsi sentire, vedere, e perché no mettere pressione ai padroni di casa anche al Metropolitano: “Coloriamo di nerazzurro il settore e la città. Avanti popolo dell’Inter”.

Mercoledì sera sul campo si prevede una sfida molto accesa, intensa e giocata al massimo da entrambe le parti: gli spagnoli vorranno uscire da un momento difficile e rimediare a un cammino complicato nella Liga avanzando nella massima competizione europea, ma l’Inter di Simone Inzaghi non rinuncerà facilmente a quello che, con lo stato di forma attuale e dopo la cavalcata della scorsa stagione, è a tutti gli effetti un obiettivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati