Vai al contenuto

Bastoni salta il Genoa e Inter multata: ecco perché

Inter-Genoa sarà il posticipo che chiuderà la ventisettesima giornata di Serie A nella serata di lunedì 4 marzo. La gara con la compagine ligure giunge quattro giorni dopo l’ennesimo trionfo in campionato contro l’Atalanta, strapazzata nel recupero della ventunesima giornata per 4-0 e che sembra aver segnato il passo decisivo nella corsa allo scudetto. L’ottava vittoria consecutiva in campionato, undicesima se si contano tutte le competizioni, ha messo in mostra un’Inter forte, decisa e affamata di vittorie per una straordinaria cavalcata che in Serie A sembra non conoscere soste. L’euforia del clan nerazzurro però è stata in parte smorzata da alcuni episodi che potrebbero rivelarsi delle insidie per l’immediato futuro.

Squalifica pesante

inter-bastoni

Tenuto conto del particolare infortunio occorso a Davide Frattesi, immediatamente percepito dall’ex Sassuolo dopo la realizzazione del gol del 4-0 nella gara con l’Atalanta, a rovinare in parte l’entusiasmo nerazzurro ci ha pensato il Giudice Sportivo della Lega Serie A, Gerardo Mastrandrea, che ha dovuto affrontare una giornata di lavoro straordinario a seguito delle partite di recupero giocate nella giornata di mercoledì 28 febbraio, Sassuolo-Napoli e Inter-Atalanta. Tuttavia, è stata quest’ultima partita a catalizzare l’attenzione, soprattutto per le decisioni prese nei confronti della società capolista, la più colpita dalle sanzioni di Mastrandrea. In primo luogo, Alessandro Bastoni, protagonista nell’episodio del gol di De Ketelaere con un guizzo che ha permesso al pallone di schizzare sul braccio di Miranchuk con successivo annullamento della rete del giocatore belga, ha rimediato una giornata di squalifica dopo essere stato ammonito nel corso della ripresa. La diffida e il giallo ricevuto durante il match lo escludono dalla prossima sfida contro il Genoa. L’impossibilità di schierare il centrale della Nazionale potrebbe rappresentare per questo turno un banco di prova non indifferente per Simone Inzaghi, che ha già dovuto rinunciare ad Acerbi ma che potrebbe ritrovare il difensore ex Lazio per l’impegno di lunedì. La necessità di far ruotare i propri interpreti in vista dei prossimi delicati impegni continuerà a essere la massima profetizzata da Inzaghi in questo momento della stagione.

Multa per insulti

Le sanzioni per l’Inter non si sono limitate solo al campo. Gli interventi del Giudice Sportivo non sono stati clementi nemmeno con la società di Viale della Liberazione. Il club, si legge nella nota di Mastrandrea, ha subito un’ammenda di 4.000 euro a causa del malcomportamento dei propri tifosi durante la partita. Presenti a San Siro, gli ispettori federali hanno segnalato nel proprio referto cori denigratori diretti più volte contro Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta. Sanzioni aggiuntive che vanno oltre il campo rappresentano una complicazione per l’Inter, specialmente considerando il momento cruciale della stagione in cui la squadra si trova: in testa alla classifica e in lotta per la Champions League, con il ritorno degli ottavi con l’Atletico Madrid che potrebbero significare passaggio ai quarti e una potenziale ottima entrata dal punto di vista economico. La sfida per l’Inter ora sarà quella di superare queste difficoltà aggiuntive evitando sanzioni extra calcistiche come i fatti post Inter-Juventus in cui un gruppo di tifosi nerazzurri si è reso protagonista di uno scontro con le forze dell’ordine. La prossima partita contro il Genoa sarà un banco di prova per dimostrare la resilienza e la determinazione della squadra nell’affrontare le avversità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella