Vai al contenuto

Bologna-Inter, le probabili formazioni: unico dubbio in attacco per Inzaghi

Probabili formazioni di Bologna-Inter. Ormai manca sempre meno ad una delle sfide più delicate della stagione, se non la più delicata. Potrebbe sembrare un paradosso, ma la verità è che il Bologna ricopre il ruolo di antagonista imprevedibile per l’Inter, che di fatto in casa dei rossoblù non vince da ormai 3 anni. In quell’occasione i nerazzurri guidati da Antonio Conte riuscirono a superare l’esame del Dall’Ara senza troppi problemi, terminando poi il proprio campionato con la vittoria finale dello Scudetto. C’è da dire che la formazione allenata da Sinisa Mihajlovic non aveva lo stesso livello tecnico e la stessa qualità del Bologna di quest’anno: una realtà che di fatto aumenta la difficoltà dell’impegno di stasera per l’Inter.

Una partita che si prospetta davvero combattuta, intensa e piuttosto emozionante. Tuttavia è una gara che inevitabilmente nasconde delle insidie: i nerazzurri, infatti, devono anche tenere conto della difficile trasferta di Madrid del prossimo mercoledì, dove dovranno affrontare l’Atletico di Diego Simeone nella sfida valevole per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League. All’andata ci ha pensato Marko Arnautovic a regalare il vantaggio iniziale ai suoi, ma l’idea di giocare nel bel mezzo della bolgia rumorosa del Wanda Metropolitano non è decisamente gradevole. Inzaghi questo lo sa e dunque si trova ‘costretto’ a forzare qualche cambio in vista della prossima meta spagnola – l’ennesima di questa stagione-.

Le probabili formazioni di Bologna-Inter

Bologna-Inter - Arnautovic

Al Dall’Ara Inzaghi arriva con un filotto di ben 12 partite vinte, che gli hanno permesso di sedersi comodamente al 1° posto e di allontanarsi dalla Juventus di 15 punti. Un distacco notevole che permette all’allenatore piacentino di mollare – seppur non troppo – la presa per far rifiatare qualche big. A partire dalla difesa il primo a sacrificarsi sarebbe Benjamin Pavard, lasciando il posto al giovane Yann Bisseck. Il centrale tedesco è chiamato a tenere a bada una delle migliori rivelazioni del campionato – Joshua Zirkzee, ndr. -, ma con l’aiuto dell’italiano Alessandro Bastoni e l’esperienza di Francesco Acerbi non si esclude un’ottima prestazione da parte sua. In mezzo al campo Inzaghi non se la sente di cambiare l’assetto tattico, lasciando dunque il solito trittico formato da Nicolò BarellaHakan CalhanogluHenrik Mkhitaryan. Ai lati Carlos Augusto pare sia in vantaggio su Federico Dimarco: il laterale brasiliano ha dimostrato di saper ricoprire il ruolo in maniera piuttosto equilibrata, accompagnando un’ottima propensione offensiva ad una solidità difensiva esemplare. Insomma, il giusto sostituto del n° 32 nerazzurro, che probabilmente rispetterà un turno di riposo per poter affrontare nel migliore dei modi la trasferta di Madrid.

La formazione è pressocché delineata, ma c’è un solo dubbio che l’allenatore ex Lazio dovrà risolvere entro la mattinata: chi sarà il secondo attaccante che affiancherà il francese Marcus Thuram? In allenamento sono stati parecchi gli esercizi e le prove sul campo con il cileno Alexis Sanchez: questo darebbe quasi per scontato una sua partenza dall’inizio, eppure la presenza di un ex di giornata come Arnautovic sta facendo riflettere non poco il tecnico dei nerazzurri. Un nodo ancora tutto da slegare.

BOLOGNA (433): Skorupski; Posch, Beukema, Calafiori, Kristiansen; Fabbian, Freuler, Ferguson; Orsolini, Zirkzee, Saelemaekers. All.: Thiago Motta

INTER (352): Sommer; Bisseck, Acerbi, Bastoni; Dumfries, Barella, Calhanoglu, Mkhitaryan, Carlos Augusto; Thuram, Sanchez (Arnautovic). All.: Simone Inzaghi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Riccardo Fattorini

Riccardo Fattorini

Sono un giornalista sportivo alla ricerca di nuovi stimoli ed esperienze formative. Amo il calcio e amo poterlo raccontare in diversi modi, anche sotto il mio punto di vista.View Author posts