Vai al contenuto

Calciobidone 2023: un ex Inter come jolly

Calciobidone 2023. Il folkloristico premio assegnato dalla pagina Calciobidoni.it, in collaborazione con Guerin Sportivo e Calcio 2000, vede, per il terzo anno di fila una graduatoria capitanata da un giocatore a tinte bianconere.

Se il duello in campionato è reso più vivo che mai dai continui e alternati botta e risposta tra Inter e Juventus, c’è una classifica che strizza decisamente l’occhio alla squadra di Allegri. La Vecchia Signora è riuscita a conseguire un particolarissimo Triplete ovvero il terzo premio consecutivo di “Calciobidone“, sondaggio curato dalla pagina Calciobidoni.it, dal Guerin Sportivo e da Calcio 2000, con l’obiettivo di certificare la peggior delusione straniera calcistica dell’anno del campionato italiano. E dire che, a nomi, sarebbe un centrocampo di tutto rispetto per i bianconeri poiché le ultime tre edizioni hanno visto salire sul gradino più alto del podio, nell’ordine, giocatori del calibro di Aaron Ramsey, nella stagione 2019-2020, Arthur, per il campionato successivo e, quest’anno, niente meno che un Campione del Mondo come Paul Pogba, colpito da numerosi infortuni e, non ultimo, dall’accusa di doping di cui si attende a breve la sentenza con relativa squalifica.

Calciobidone 2023: il podio

Il centrocampista della Juventus ha trionfato praticamente senza troppi rivali: 1.237 i voti complessivi conquistati dal numero 10 juventino con una percentuale del 36,4% dei totali 3.394 votanti. Alle spalle dell’ex giocatore del Manchester United, si piazza una new entry, praticamente con il doppio dei voti in meno, quel Charles De Ketelaere che ha avuto delle difficoltà evidenti al Milan: 625 le preferenze per una percentuale del 18,4%. A chiudere il podio è un altro ex di Milanello; parliamo di Divock Origi, arrivato a parametro zero dal Liverpool e che ha fatto disperare i tifosi rossoneri: 331 voti valgono la medaglia di bronzo per l’attaccante belga, pari al 9,7% del totale.

Il jolly che non ti aspetti e la storia dei “calciobidoni” interisti

In questa speciale classifica, dove anche i nomi altisonanti riescono a trovare spazio, merita un discorso a parte la graduatoria del “Calciobidone Jolly”,  per la cui occasione ha annoverato 27 giocatori complessivi: a spuntarla è stato il “Tucu“, Joaquin Correa, quest’anno in prestito all’Olympique Marsiglia e nelle ultime due stagioni alla corte di Simone Inzaghi, che lo volle a tutti i costi a fronte di un investimento di circa 30 milioni di euro. Tormentato dagli infortuni e non solo non è mai riuscito a dimostrare tutto il proprio valore e fare la differenza, se non all’esordio in maglia nerazzurra con la doppietta al Verona. Proprio per questo, la vittoria dell’attaccante argentino è arrivata grazie a una percentuale del 19,7% su Josip Brekalo della Fiorentina, con il 15,7%, e Filip Djuricic, retrocesso in B con la Sampdoria  che totalizza il 13,81%.

Il premio “Calciobidone” trae le proprie origini nella stagione 2009-2010, anno di grazia del Triplete nerazzurro targato Josè Mourinho. A discapito della stagione straordinaria condotta dall’allenatore portoghese e i suoi ragazzi, l’Inter detiene a sua volta un record particolare. L’edizione inaugurale del sondaggio vide arrivare al trionfo proprio l’acquisto più voluto dall’attuale tecnico della Roma: Ricardo Quaresma, il genio della trivela esploso con lo Special One ai tempi del Porto. L’attaccante lusitano, in maglia nerazzurra, deluse le aspettative e per ben due stagioni consecutive si aggiudicò il premio. La presenza nerazzura ha spaziato sia nei calciobidoni sia nei jolly; al netto della doppietta di Quaresma (2009 e 2010), nel primo caso furono ben 7 i nerazzurri che a fine stagione si sono guadagnati la palma di peggior delusione calcistica straniera della stagione tra cui Diego Forlan (2012), Ishak Belfodil (2014), Kondogbia (2016), Gabigol (2017) e, incredibilmente, Eriksen (2020) mentre tra i jolly si ritagliarono spazio Alvaro Pereira (2013), Gabigol (2016) e Joao Mario (2018).


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella