Vai al contenuto

Caso Acerbi, il Napoli farà ricorso? Ecco cosa filtra

Caso Acerbi-Juan Jesus, dopo l’assoluzione ecco cosa filtra su un possibile ricorso da parte del Napoli. La sentenza arrivata nella giornata di ieri era uno degli eventi di maggiore attesa della settimana.

Dopo l’episodio incriminato occorso durante la partita Inter-Napoli dello scorso 17 marzo, la procura federale aveva attivato la procedura per sentire entrambe le parti interessate all’accaduto, ovvero il difensore brasiliano del Napoli e quello italiano dell’Inter, raccolto le eventuali prove esistenti e atteso qualche giorno per fornire la giusta sentenza.

Acerbi assolto dalla condanna, cosa può fare Juan Jesus?

Acerbi

Proprio sulla questione relativa alle prove si è poi strutturata la sentenza di assoluzione per il difensore nerazzurro. Come specificato nel comunicato reltativo alla stessa, infatti, è la mancanza di prove concrete ad aver evitato ad Acerbi una pesante squalifica in Serie A e, come molti già vociferavano, anche una precoce fine della carriera da giocatore. Sono state tante le accuse, arrivate sopratutto dai social, rivolte al numero 15 della squadra di Inzaghi, ed è sembrata poi naturale la reazione della moglie alla sentenza di assoluzione.

Le motivazioni utilizzate dal Giudice Sportivo hanno creato, inoltre, un altro effetto sul caso specifico. Juan Jesus, infatti, non potrà fare ricorso alla decisione presa in quanto è derivata dalla mancanza di prove concrete e, pertanto, non ci sarebbero i presupposti per una riapertura, o rivalutazione, del caso.

La reazione del brasiliano appena saputa la sentenza

Juan Jesus, appresa la notizia al termine dell’allenamento di ieri è apparso profondamente deluso, ma fermamente deciso a non arrendersi. Questa sentenza di assoluzione per mancanze di prove rischia di farlo passare da bugiardo ed è per questo che, non potendo fare ricorso come detto prima, starebbe valutando l’ipotesi di una denuncia penale contro Acerbi. Una possibilità su cui il giocatore riflette col suo entourage e il suo procuratore Roberto Calenda. La società partenopea ha voluto dimostrargli il pieno appoggio, diffondendo il comunicato durissimo durante il pomeriggio e lanciando l’hastag #iostoconjj. Insomma, sul caso ci potrebbero ancora essere dei colpi di scena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mirko Patera

Mirko Patera