Vai al contenuto

Cuadrado, confermata l’operazione al tendine d’Achille

L’esterno colombiano è alla prese con un problema al tendine che lo tormenta da inizio stagione. La terapia conservativa che gli aveva permesso di tornare in campo seppur non al 100% ora non basta: ha scelto la strada della operazione.

I tempi di recupero

Simone Inzaghi deve fare i conti con l’operazione al tendine d’Achille sinistro di Juan Cuadrado che gli farà perdere a lungo il 35enne in una fase delicatissima della stagione. L’ex giocatore della Juventus, arrivato alla Pinetina in estate a parametro zero, verrà operato dal professor Lasse Lempainen, luminare della chirurgia tendinea, a Turku in Finlandia.

Il colombiano, tormentato dai continui e fastidiosi problemi, nel tentativo di recuperare dall’iniziale infiammazione al tendine d’Achille sinistro, aveva iniziato a ottobre con lo staff nerazzurro un programma riabilitativo per ristabilire , saltando anche gli impegni con la Nazionale. Incerti al momento i tempi per il pieno recupero ma è praticamente scontato che il numero 7 nerazzurro dovrà stare fermo ai box per almeno tre mesi. I nerazzurri, così, dovranno obbligatoriamente ricorrere alla sessione invernale di calciomercato per tappare la falla, considerando anche il ko di Denzel Dumfries che lo terrà lontano dal campo probabilmente fino a inizio 2024.

Il bilancio della fin qui prima stagione interista di Cuadrado vede l’esterno collezionare un totale di 9 partite disputate per un totale di 299 minuti giocati complessivamente tra Campionato e Champions League in cui sono stati messi a referto solamente due assist.

Mossa obbligata

Al netto delle condizioni di Dumfries e Cuadrado, la fascia destra dell’Inter si trova in netta emergenza. Darmian è in grado di offrire prestazioni e garantire fiducia ma la coperta inizia a farsi sempre più corta anche in vista dei numerosi impegni sparsi per il calendario nerazzurro, con lo sprint per il titolo d’inverno con la Juventus e le Final Four di Supercoppa Italiana all’orizzonte. Marotta e Ausilio, sempre in cerca di nuovi e promettenti profili, dovranno intervenire durante la sessione di calciomercato per indovinare la mossa giusta e regalare a Inzaghi il rinforzo desiderato. Oltre a valutare occasioni tra gli esterni di centrocampo, un’altra opzione è quella di Tiago Djaló, difensore classe 2000 del Lille. Con il portoghese stabile nel pacchetto arretrato e in attesa del rientro di Dumfries, Darmian potrebbe venire utilizzato come alternativa all’olandese. Il countdown per il 2 gennaio è già iniziato, non resta quindi che attendere.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella