Vai al contenuto

L’Inter e una difesa impenetrabile in trasferta

I gol di Lautaro Martinez, gli assist di Thuram e la qualità di Barella e Calhanoglu sono stati si fondamentali per permettere ai ragazzi di Inzaghi di trovarsi in vetta alla graduatoria di Serie A; ma se l’Inter sta procedendo col vento in poppa verso il giro boa del campionato e con in mano salde le redini del campionato è grazie a un reparto in particolare.

Determinazione granitica

Nonostante la squadra abbia messo a referto 41 gol, con una differenza reti che recita +34, è il reparto arretrato infatti il settore su cui Inzaghi ha costruito il segreto vincente per il successo e dove sta facendo la differenza rispetto alla passata stagione. La porta della formazione nerazzurra è rimasta imbattuta per ben 12 volte in 17 giornate di campionato dove Sommer ha raccolto solo sette palloni dal sacco mentre lo scorso anno, in questo periodo, i clean sheets del duo Handanovic-Onana erano stati 5 e i gol subiti 24. L’Inter insomma ha ingranato la marcia giusta: migliore difesa del campionato con 2 gol subiti nelle ultime 9 gare in A che si azzerano se si considerano solo le ultime 4 giornate e, nei cinque principali campionati d’Europa, nessuna squadra subisce così poco e tiene così tante volte la porta serrata. Le statistiche sono tutte a favore di Sommer & Co.; il numero 1 elvetico è il primo portiere che in questa stagione è riuscito nell’impresa di collezionare almeno 10 partite da imbattuto nelle sue prime 15 gare di Serie A sventando 40 tiri, contro i 39 di Maignan e i 32 di Szczesny. La chiave per il successo? Il lavoro di gruppo, un fondamentale che ad Appiano Gentile hanno saputo costruire e che vogliono blindare per il futuro.

Verso un nuovo record

Per raggiungere il traguardo del platonico, seppur ambito, titolo di campione d’inverno, al Ferraris di Genova contro il Grifone, l’Inter andrà non solo alla caccia dei tre punti, che le permetterebbero di raggiungere la cifra tonda di 50 punti, ma anche per scrivere una nuova pagina della storia difensiva italiana; un record che resiste solido da quasi vent’anni, stabilito dal Milan nella stagione 2004-2005 potrebbe essere battuto in caso di nuovo cleen sheet nella gara di domani sera. La squadra di Simone Inzaghi resterebbe a soli due gol subiti in nove giornate disputate lontano da San Siro e batterebbe il record degli allora rossoneri scudettati. Per ora, i nerazzurri hanno eguagliato i primati realizzati dal Milan (1971/72, 1987/88), dal Torino (1976/77, 1983/84) e dalla Juventus (2014/15).


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella