Vai al contenuto

Euro 2024 si avvicina: l’Italia fa affidamento al “blocco” Inter

spalletti italia inter
CONDIVIDI:
Banner Libro

La Nazionale italiana si prepara al nuovo Europeo: il commissario tecnico Spalletti è pronto e fa affidamento ai sei giocatori del blocco nerazzurro.

Cala il sipario sugli avvicendamenti dei campionati e delle competizioni per club, pronti per un’estate ancora all’insegna del calcio. Infatti, a giugno saranno chiamate in causa le nazionali europee e americane per le rispettive competizioni continentali.

Anche la Nazionale italiana di Luciano Spalletti prenderà parte ad Euro 2024. Una competizione in cui gli Azzurri arrivano da campioni in carica: sono stati loro a trionfare nella finale di Wembley degli europei del 2020 (giocati nell’estate del 2021, per via della pandemia del Covid), contro l’Inghilterra.

In queste settimane, il commissario tecnico della Nazionale ha pubblicato la lista dei 30 giocatori pre-convocati. Di questi, ad Euro 2024, Spalletti potrà portarne 26, che sceglierà a seguito del ritiro che partirà domani, venerdì 31 maggio. La data di inizio degli europei – che si giocheranno in Germania – è fissata al 14 giugno: l’Italia scenderà in campo il 15 giugno, affrontando il gruppo B insieme a Spagna, Croazia ed Albania.

In questo ritiro pre-Euro 2024, tra i 30 convocati figurano ben sei giocatori provenienti dall’Inter Campione d’Italia. Si tratta dei nero-Azzurri: Nicolò Barella, Alessandro Bastoni, Federico Dimarco, Matteo Darmian, Francesco Acerbi e Davide Frattesi. Un nucleo tutto interista per Spalletti, il quale ha voluto rimarcare l’importanza di questo blocco proveniente da un’unica squadra, durante il suo intervento sul palco degli European Global Soccer Awards.

Per il c.t. della Nazionale italiana, avere un blocco interista – che ha anche vinto lo Scudetto – è di fondamentale importanza per sapere che potranno portare con sé la loro affinità in campo ed esperienza, oltre alla carica ottenuta con la vittoria e il dominio del campionato e il traguardo della seconda stella. Soprattutto perché l’attuale Nazionale avrà pedine da quasi tutte le squadre italiane e non solo provenienti dalle big della Serie A.

Come ha affermato lo stesso Spalletti ai microfoni dei giornalisti durante l’evento: “Menomale che c’è chi crede nel talento italiano, perché ce n’è tanto e ne abbiamo bisogno. Avere qualcuno che giocando, si guarda con gli altri e si dice “possiamo farcela come abbiamo fatto vedere vincendo il campionato” è un vantaggio“.

Inoltre, dei sei giocatori che sono stati convocati da Spalletti, tre – ovvero Barella, Bastoni ed Acerbi – sono stati protagonisti nella vittoria dell’ultimo europeo sotto la guida tecnica di Roberto Mancini. Un fattore in più per difendere il titolo, nonostante i pronostici a sfavore degli Azzurri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Samuele Amato

Samuele Amato

Classe '97, follemente addicted ai colori nerazzurri, alla musica e alla filosofia.View Author posts