Vai al contenuto

Inter, emergenza in difesa per Inzaghi: le contromosse del tecnico

Simone Inzaghi primo piano conferenza stampa
CONDIVIDI:
Banner Libro

Durante questa sosta per le nazionali, l’Inter di Inzaghi si scopre in emergenza nel reparto difensivo. Inzaghi dovrà rivedere le proprie scelte di formazione in vista non solo del Big match del 26 novembre allo Stadium contro i rivali storici della Juventus, ma anche per le delicate trasferte di Napoli e di Lisbona. All’infortunio di Pavard infatti, si aggiunge anche la notizia dello stop per Alessandro Bastoni, che ha accusato un problema al polpaccio della gamba destra.

L’inter si gioca moltissimo del suo futuro al rientro dalla sosta. La squadra nerazzurra è infatti chiamata a un mini tour de force, che aiuterà a capire le reali ambizioni sia in campionato che nell’Europa che conta. Alla ripresa si parte forte con il big match con la Juventus di Allegri, che viene già etichettato come scontro scudetto da molti esperti ed addetti ai lavori.

Tre giorni dopo Torino, i nerazzurri sono chiamati a un’altra trasferta questa volta a Lisbona per il match di Champions League contro il Benfica. Partita che il giorno dei sorteggi in molti vedevano come possibile scontro diretto in testa al girone e che invece ha assunto connotati ben diversi grazie al lavoro dei ragazzi di Inzaghi, capaci di qualificarsi con ben due turni d’anticipo agli ottavi, complice anche il pessimo andamento dei lusitani fermi ancora a zero punti dopo quattro giornate. La settimana di fuoco si concluderà con la trasferta di Napoli il 3 dicembre. In questo caso si tratterà di una sfida particolare poiché sarà il primo vero banco di prova per il nuovo tecnico dei partenopei Walter Mazzarri e allo stesso tempo una sfida da ex. Il tecnico ha allenato l’Inter dal 2013 al 2014.

Che il calendario riservasse maggiori insidie nella seconda parte lo si sapeva da inizio stagione, tant’è che nessuno in Viale della Liberazione ha espresso malumore al riguardo. Ciò che preoccupa attualmente mister Inzaghi è la situazione infortuni in difesa. Pavard, infortunatosi durante la sfida di Bergamo contro l’Atalanta alla rotula del ginocchio sinistro, dovrà stare a riposo con il tutore ancora 2-3 settimane, per poi poter incominciare il lavoro rieducativo. L’obiettivo, difficile, è quello di recuperarlo per le ultime partite del 2023. A Pavard si è aggiunto anche il compagno di reparto Alessandro Bastoni, che nell’allenamento di mercoledì a Coverciano ha sentito dolore al polpaccio della gamba destra. In attesa di ulteriori esami, la sensazione è che il classe 1999 sarà costretto a saltare le prossime tre gare, si punta a riaverlo a disposizione per la sfida decisiva contro la Real Sociedad il 12 dicembre a San Siro, valida per il primo posto in Champions.

Soluzioni tattiche

La domanda che sorge spontanea è legata a chi potrà coprire i ruoli dei due braccetti. La soluzione più logica sembrerebbe quella di arretrare nuovamente Darmian a terzo di difesa sul lato destro, posizionare Stefan De Vrij come centrale e veicolare Acerbi sul centro-sinistra. In questo modo si garantirebbe una buona copertura difensiva non rinunciando alla spinta sulle fasce data dagli esterni, molto probabilmente Dumfries a destra e Di Marco a sinistra. In previsione del Benfica per, Inzaghi potrebbe dare fiducia a Bisseck come terzo di difesa sul lato destro. In casi estremi è sempre possibile arretrare Di Marco sulla linea difensiva e spostare in avanti Carlos Augusto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts