Vai al contenuto

Inter, Frattesi è già un caso? Non gioca titolare da settembre

«Man mano che passa il tempo, Frattesi scalpita sempre di più: in 5 mesi di Inter mettere in cascina 331′ di Serie A, meno di 4 partite intere, non era atteso». L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport evidenzia il difficile percorso di Davide Frattesi con la maglia dell’Inter. Lo scarso minutaggio del centrocampista ex Sassuolo rischia di diventare un caso, specie a fronte del grande investimento di 33 milioni messo in atto da Marotta e Ausilio, «più dei 30 spesi per Pavard, più di chiunque dai tempi dello sbarco di Hakimi nel 2020» specifica la Rosea.

Lavoro e attesa

Da Appiano Gentile assicurano che l’impegno non manca. Frattesi lavora in silenzio e «fa alzare l’intensità di ogni seduta». Il 24enne romano scalpita, cercando di ritagliarsi spazio nel centrocampo dei titolarissimi: «un reparto di gran lusso» secondo la Gazzetta. Il trio composto da Çalhanoğlu, Barella e Mkhitaryan – fresco di rinnovo – è uno dei migliori d’Europa e Inzaghi fatica a rinunciarvi.

Ciononostante, Frattesi non parte titolare in Serie A dal 24 settembre, l’estate era appena finita e l’Inter vinceva di misura ad Empoli. Il momento più alto della sua permanenza in nerazzurro, perché aveva appena segnato nel 5-1 del derby di andata e aveva trascinato l’Italia di Spalletti alla vittoria e alla qualificazione contro l’Ucraina, mettendo a segno una doppietta da vero protagonista.

Il gol nelle corde

Un’interessante statistica della Rosea mette in luce lo scarso contributo dei centrocampisti nerazzurri in zona gol, nonostante l’alto rendimento. Se si escludono i calci di rigore, solo il 17% delle reti messe a segno dall’Inter – 7 su 41 – è giunto dalla linea mediana. In questo senso, considerata anche la carente vena realizzativa in assenza di Lautaro, Frattesi può aprirsi quel varco che serve per trovare finalmente spazio. I numeri sono dalla sua parte: le 7 reti lo scorso anno con il Sassuolo gli hanno permesso di spiccare il volo grazie ad una grande abilità negli inserimenti offensivi. Ora deve dimostrare di essere all’altezza.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Alessio Castagnoli

Alessio Castagnoli

Aspirante giornalista, sempre alla ricerca di qualcosa da dire e cercando di farlo nel migliore dei modiView Author posts