Vai al contenuto

Moviola Inter-Atalana, furia Percassi: ma i fatti danno ragione all’arbitro

Moviola Inter-Atalanta, Percassi contro l’arbitro. Una partita ricca di azioni, gol e giocate – ma anche una partita che ha visto due lunghissimi on-field review da parte di arbitro e VAR. Episodi che hanno poi acceso il post-match.

Nella serata dell’ennesimo 4 a 0 dell’Inter, stavolta ai danni dell’Atalanta, che sancisce il +12 sulla seconda in classifica, il direttore di gara Colombo ha dovuto affrontare due episodi che hanno richiesto l’intervento del VAR – a favore più per i nerazzurri di Milano, che per i bergamaschi e che hanno raccolto poi le lamentele dell’amministratore delegato della Dea, Luca Percassi.

Moviola Inter-Atalanta: gli episodi

colombo inter atalanta

Il primo episodio è quello relativo al gol annullato all’Atalanta: su una palla recuperata al limite dell’area di rigore dell’Inter, i bergamaschi segnano con De Keteleare l’1 a 0, dopo un rimpallo tra Bastoni e Miranchuk. Proprio in questo rimpallo c’è l’irregolarità, poiché dopo la respinta del difensore interista, il pallone finisce sul braccio largo dell’attaccante russo della Dea. Colombo viene richiamato al VAR e decide di annullare il gol dell’Atalanta per fallo di mano.

Un episodio a cui si è aggiunto anche il commento di Marelli a Dazn, che ha voluto dare ragione alla scelta del direttore di gara dopo l’on-field review al monitor. Una giustificazione che però l’a.d. atalantino Percassi non condivide: proprio nel post-partita ha dichiarato che il tocco di braccio di Miranchuk non ci fosse e che le immagini mostrassero chiaramente che la palla è stata spizzata solamente dal difensore dell’Inter.

Il secondo episodio importante è il rigore concesso all’Inter a inizio del secondo tempo. Una palla morbida messa nell’area della Dea, da Dimarco, sembra avere una traiettoria a rientrare che in un primo momento l’arbitro – seguendo la segnalazione dell’assistente Zingarelli – ha fischiato per una rimessa dal fondo a favore dell’Atalanta. Prima però che Colombo fischiasse, l’azione si è protratta per qualche secondo con Dumfries che colpisce la palla che arriva sul braccio largo di Hateboer.

VAR a lavoro, che ha richiesto circa 5 minuti di attesa, per poi richiamare il direttore di gara all’on-field review. La palla di Dimarco non è uscita completamente e, dunque, l’azione si conclude con il tocco irregolare del giocatore atalantino. Colombo assegna il rigore, sbagliato da Lautaro, dando l’opportunità allo stesso Dimarco di ribattere in rete (regolare anche qui, poiché l’esterno interista non era con il piede appoggiato dentro l’area al momento del tiro dell’attaccante argentino).

Anche su questo episodio è intervenuto Percassi, il quale ha dichiarato che nessuno avesse capito cosa stesse succedendo allo stadio. Per l’amministratore delegato dell’Atalanta, il rigore non era da assegnare, vista anche la segnalazione del guardalinee che aveva consigliato per una rimessa dal fondo. Un pensiero, anche questo, non condiviso da Marelli e da Cesari (a Mediaset), i quali hanno dato ragione all’arbitro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Samuele Amato

Samuele Amato

Classe '97, follemente addicted ai colori nerazzurri, alla musica e alla filosofia.View Author posts