Vai al contenuto

Nuovo stadio: l’Inter conferma il progetto a Rozzano

L’Inter continua a portare avanti il progetto per la costruzione del nuovo stadio nell’area di Rozzano. La conferma arriva direttamente a La Gazzetta dello Sport da parte di Alessandro Antonello, CEO corporate della società nerazzurra, che con alcune dichiarazioni esclusive ha svelato alcune tempistiche per il lancio della nuova casa del club di Viale della Liberazione, sottolineando come Rozzano sia la scelta principale per l’Inter che, allo stato attuale dei fatti, non sembra aver alcun ripensamento sulla situazione riguardante il Giuseppe Meazza. Il supporto degli advisors sarà fondamentale per continuare il lavoro sull’area individuata all’interno del Comune di Rozzano. Al termine dello studio di fattibilità e la conseguente acquisizione dei terreni, verrà presentata all’amministrazione comunale il progetto per la costruzione del nuovo impianto. 

Il nuovo stadio dell’Inter si farà e dalle pagine del giornale rosa, dunque, sembrerebbe non esserci nessun ripensamento per quanto riguarda l’opzione che conduce al risanamento di San Siro, mossa  preventivata e promossa dal sindaco di Milano, Beppe Sala, che proporrà un incontro a breve, sia con il Milan sia con l’Inter. Il progetto che coinvolge la Scala del Calcio rimane bloccato però dal vincolo della Soprintendenza e dal ricorso al TAR.

Il futuro prende forma

L’Inter non vuole rimanere indietro e se il Milan si è già mosso acquistando i terreni nel Comune di San Donato Milanese per la costruzione della propria nuova casa, l’obiettivo fisso della società nerazzurra resta, in ogni caso, quello di dotarsi di un impianto di proprietà moderno, multifunzionale e sostenibile, con una capienza fino a 70.000 posti. Sino al prossimo 30 aprile, la società di Zhang ha un diritto di esclusiva per verificare la fattibilità della costruzione dell’impianto all’interno dell’area di proprietà della famiglia Gabassi nel comune dell’hinterland milanese.

Il nuovo stadio dell’Inter solleva però una questione: il problema principale rimane la viabilità. Sebbene la zona si trovi a qualche centinaia di metri dal Forum e dalla fermata della linea M2 della metropolitana, rimane molto complicata da raggiungere a causa della viabilità che interessa l’area circostante. Le Olimpiadi invernali del 2026, le cui gare di pattinaggio si svolgeranno proprio al Forum, potrebbero essere un assist per l’Inter e le ultime notizie riportano che non sono state evidenziate criticità particolari, con il consiglio comunale che ha anche approvato una variante per la costruzione di infrastrutture parcheggi e la possibilità di estensione della linea della metropolitana fino a Rozzano.

L’Inter attenderà e se dal comune arriveranno le autorizzazioni necessarie (entro il 30 giugno 2025), ecco che si potrebbero ipotizzare delle tempistiche maggiormente precise, con la società di Viale della Liberazione che si aspetta di posare la prima pietra del nuovo impianto per poterne calcare il campo dalla prima giornata della stagione 2028-2029. Le sensazioni sono positive in casa nerazzurra: il prossimo passo sarà passare alla trattativa per l’acquisto della zona individuata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella