Vai al contenuto

Roma-Inter, Inzaghi non vuole cali di tensione

Roma-Inter, nessun calo di tensione. Questo l’obiettivo di Inzaghi nel preparare la gara di sabato sera contro i giallorossi. Dopo la vittoria casalinga contro la Juventus, fondamentale in chiave scudetto, i nerazzurri sono chiamati ad affrontare un mese di febbraio da incubo: ad attenderli 2 scontri diretti e la prima sfida di Champions contro l’Atletico Madrid di Simeone. Per mantenere la distanza sulla Juventus sarà fondamentale tornare dalla Capitale con il bottino pieno e per farlo Inzaghi ha già un piano.

Roma-Inter, nessun calo di tensione

L’Inter, per continuare il suo percorso vincente, deve superare indenne l’ostacolo dell’Olimpico, dove è attesa dal suo ex, Lukaku, e da De Rossi, che alla guida dei giallorossi ha ottenuto tre successi consecutivi. Insomma, più facile a dirsi.

Inzaghi vuole evitare che il vantaggio ottenuto sulla Juventus, numerico e psicologico, possa ridursi subito, per cui sta preparando la sfida contro la Roma battendo soprattutto sulla mentalità dei suoi ragazzi. Come sottolinea La Gazzetta dello Sport, il tecnico piacentino lo ha fatto ieri e lo riproporrà oggi il concetto per cui vincere sabato darebbe ancora più valore ai 3 punti ottenuti con merito contro la squadra di Allegri.

Il rischio di un calo di tensione è alto, ma è proprio ora che l’Inter deve dimostrare di essere cresciuta e maturata: la lezione che il gruppo ha ricevuto nella scorsa stagione, alternando gare europee deliziose a sofferenti sfide di campionato, ma soprattutto quella dolorosissima di due anni fa dev’essere tale da evitare oggi errori sanguinosi. Proprio in questo senso, la Roma sarà la prova del 9 per Inzaghi e per la squadra: Inzaghi punta sui titolarissimi, riservandosi la possibilità di concedere qualche rotazione nella sfida di venerdì contro la Salernitana, ultimo impegno del campionato prima di affrontare i Colchoneros di Simeone. 

Come scrive oggi la rosea, contro la Roma giocheranno gli stessi 11 che hanno fronteggiato la Juventus. Prima della partenza per Roma sono previste quattro sedute d’allenamento mattutine. I dati fisici dello staff raccontano di giocatori in grande condizione, dopo che nei giorni successivi al ritorno da Ryiad e nella trasferta di Firenze qualche preoccupazione l’avevano provocata.

Roma-Inter sarà sicuramente una gara complicata, ma i nerazzurri sono fiduciosi poiché contro le prime otto del campionato hanno sempre ottenuto almeno una vittoria. Certo, i fantasmi del passato sono presenti: come due anni fa l’Inter ha fatto un girone d’andata quasi perfetto guadagnandosi il titolo di campione d’inverno e, come due anni fa, si stanno facendo calcoli inesatti perché l’Inter ha una gara da recuperare, due anni fa contro il Bologna, oggi (o meglio, il 28 febbraio) contro l’Atalanta.

l’Inter oggi ha una consapevolezza diversa, motivo per cui crede ci siano ben 4 ragioni per cui il finale di questo campionato sarà diverso: innanzitutto, la capacità di gestire i momenti e saper vincere in diversi modi. Poi, le alternative più solide a quelle di due anni fa. In terzo luogo, la consapevolezza che la finale di Champions ha consolidato e, infine, la presenza di giocatori di grande esperienza come Pavard e Sommer.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni