Vai al contenuto

Supercoppa italiana: definite le date, ecco quando si gioca

Le ultime oscillazioni sulle date della Supercoppa italiana che quest’anno si disputerà in Arabia Saudita sembrano essere terminate.

Dove e quando

Sono state fissate le date delle sfide con un cambiamento di terreno.

Come viene riportato dal Corriere dello Sport: “La final four si disputerà dal 18 al 22 gennaio, a Riyad anziché a Gedda. Il nuovo accordo è stato trovato nell’ultimo sopralluogo della delegazione italiana (rientrata ieri pomeriggio). Guidata dall’head of competitions della Lega Serie A, Andrea Butti, e composta dal personale che per la struttura di via Rosellini si occupa della produzione televisiva, della logistica e del marketing. Con loro, hanno viaggiato due rappresentanti per ciascuno dei quattro club coinvolti“.

Nel dettaglio

La prima semifinale tra Napoli (campione d’Italia) e Fiorentina (finalista di coppa) sarà giovedì 18 gennaio. L’altra, tra Inter (campione di coppa) e Lazio (vicecampione d’Italia), venerdì 19. Il torneo comincerà e finirà nella capitale“.

Queste sfide dovranno necessariamente incastrarsi con il calendario del nostro campionato di Serie A, del quale si discuterà nei prossimi giorni.

I recuperi di Serie A

Il consiglio di Lega ieri ha approvato le date, che saranno annunciate lunedì dopo l’assemblea o direttamente il 20 dicembre, quando saranno stilati anticipi e posticipi del campionato per il primo mese del 2024. Di sicuro saranno rinviate Torino-Lazio, Sassuolo-Napoli, Bologna-Fiorentina e Inter-Atalanta della 21ª giornata“.

Conclude il CdS: “L’esito dei gironi europei ha agevolato il compito della Lega: i recuperi sono previsti nella finestra in cui le tre di Champions non giocheranno l’andata degli ottavi (saranno impegnate in coppa o il 13/14 febbraio o il 20/21) e anche Fiorentina e Atalanta sono libere da impegni infrasettimanali, non essendo impegnate negli spareggi di Conference ed Europa league del 15 e del 22 febbraio“.

 


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Marta Bonfiglio

Marta Bonfiglio